Palermo, a Palazzo Sclafani la solenne “Cerimonia della Lampada” :ilSicilia.it
Palermo

il 2 luglio

Palermo, a Palazzo Sclafani la solenne “Cerimonia della Lampada”

1 Luglio 2019

Si terrà a Palermo, il 2 luglio alle  20, nel chiostro di Palazzo Sclafani la solenne “Cerimonia della Lampada”, organizzata dall’Ispettorato Regionale Infermiere Volontarie CRI, XII Centro Mobilitazione Sicilia in collaborazione con il Comando Militare dell’Esercito in Sicilia.

In occasione della Cerimonia alla presenza del Comandante Militare dell’Esercito in Sicilia, Generale di Divisione Claudio Minghetti, dell’Ispettrice Regionale del Corpo delle Infermiere Volontarie del C.M. Sicilia, Sorella Anna D Marzo e del Presidente Regionale dell’Associazione CRI Sicilia,Luigi Corsaro, saranno consegnati Croci, Gradi e Diplomi  alle Infermiere  Volontarie che nell’ ultimo biennio hanno concluso il corso di formazione.

La Lampada è l’emblema del sacrificio e rappresenta lo spirito di servizio e di abnegazione, principi che le Infermiere Volontarie CRI trasferiscono, in un passaggio simbolico, alle Neodiplomate che entrano a far parte nella Grande Famiglia di Croce Rossa.

La Cerimonia della Lampada ha una lontana tradizione e le sue origini risalgono alla Guerra di Crimea del 1854; l’omaggio e la memoria vanno alla figura dell’inglese Florence Nigthingale, fondatrice dell’assistenza infermieristica moderna, che durante la sanguinosa battaglia di Crimea vigilava, instancabile, nella notte tra le tende dei soldati feriti prestando loro conforto e cure, facendosi luce con una lanterna: per questa ragione è stata soprannominata “La Signora della Lampada” .

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.