Palermo, a rischio il rinnovo dei contratti per 700 dipendenti comunali :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Il Csa chiede un tavolo permanente

Palermo, a rischio il rinnovo dei contratti per 700 dipendenti comunali

di
31 Maggio 2018

È a rischio il rinnovo dei contratti dei 700 dipendenti a tempo determinato del Comune di Palermo, in categoria c e d, in scadenza a partire dal gennaio 2019. Il pericolo è stato confermato ai sindacati dai vertici burocratici dell’Amministrazione nel corso della delegazione trattante, che si è tenuta due giorni fa a Palazzo delle Aquile, alla quale hanno partecipato il segretario generale, il dirigente delle risorse umane e il ragioniere generale. Il Ministero dell’economia e delle finanze (Mef), che nei mesi scorsi ha passato al setaccio i bilanci comunali, ha contestato lo sforamento dei tetti di spesa del personale precario fissati dalla legge. Motivo per cui il Comune si troverebbe costretto a non poter prolungare i rapporti di lavoro a termine.

Si tratta di una parte dei lavoratori provenienti dal progetto “Palermo Lavoro” assunti tra il 2009 e il 2010, in deroga alla normativa sul blocco delle assunzioni, grazie ad un pacchetto di convenzioni stipulate tra il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali, la Regione Siciliana ed il Comune. L’operazione ha garantito al Comune uno stanziamento strutturale da parte dello Stato di 55 milioni di euro l’anno per il pagamento degli stipendi, ma allo stesso tempo non lo ha esonerato dal rispettare il limite di spesa per lavoro flessibile. Un limite determinato, per il periodo 2012/2015, in euro 11.160.958 e che il Comune ha abbondantemente superato di circa 3/4 milioni l’anno.

Da qui l’impietosa conclusione normativa, riportata nella relazione del Mef, secondo la quale “i contratti di lavoro a tempo determinato in contrasto con la normativa vigente sono nulli” e determinando “la responsabilità erariale per il soggetto che li ha posti in essere”. Pericolo contabile che un Comune in difficoltà come quello di Palermo non può proprio permettersi. Sono queste le motivazioni fornite nel corso dell’incontro che hanno spinto i responsabili della macchina comunale ad allargare le braccia.

I sindacati, comunque, non si danno per vinti. Per Giuseppe Badagliacca del Csa “ci sono i margini per trovare le soluzioni adeguate al problema. Bisogna costituire un tavolo specifico e permanente, in maniera tale che ci sia un’operazione verità e allo stesso tempo di programmazione. L’obiettivo è quello di mettere in sicurezza il posto di questi lavoratori, garantire il funzionamento della pubblica amministrazione comunale e l’erogazione dei servizi ai cittadini. Se questo non dovesse accadere ci attiveremo con tutti gli strumenti a nostra disposizione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti