Palermo, a rischio le gare di nuoto. I familiari degli atleti: "Il Comune ci ha presi in giro" :ilSicilia.it
Palermo

A RISCHIO IL DIRITTO ALLO SPORT

Palermo, a rischio le gare di nuoto. I familiari degli atleti: “Il Comune ci ha presi in giro”

di
3 Settembre 2019

Sono a rischio le gare di nuoto indoor in Sicilia. La denuncia arriva da oltre 70 parenti di giovani atleti che ad aprile hanno scritto al sindaco di Palermo Leoluca Orlando e al vicesindaco Fabio Giambrone, lanciando l’allarme caduto poi nel vuoto.

Il risultato è che il diritto allo sport, sancito dalla Costituzione Europea e ricompreso nel cappello dell’art.32 della Costituzione Italia, rischia di essere messo in pericolo dalla carenza dell’impianto sportivo palermitano.

Da anni chiediamo che si installi un pontone nella piscina comunale di Palermo – affermano – e da anni ci prendono in giro. Dopo l’ultimo nostro appello, il vice sindaco Giambrone ci aveva incontrato assicurandoci che entro dieci giorni si sarebbe svolto un sopralluogo tecnico. Questo ci ha comunicato a giugno, siamo arrivati a settembre e non abbiamo mai più avuto notizie, risposte e neanche contatti. A parole tante promesse, nei fatti zero risultati“.

Finora le gare di nuoto indoor si sono svolte nelle piscine comunali di Paternò e di Caltanissetta, ma anche questi due impianti hanno dei problemi strutturali che potrebbero impedire lo svolgimento di competizioni agonistiche al loro interno.

Installare il pontone alla piscina comunale di Palermo – aggiungono – indispensabile per le gare di nuoto, costerebbe poco meno di 150 mila euro. Continuiamo a non comprendere come mai la Giunta comunale voglia privare la città della possibilità di essere meta del turismo sportivo, a fronte di un impegno di spesa che sarebbe subito ammortizzato dal ritorno in termini economici e di immagine. Peraltro anche la Fin (Federazione italiana nuoto) ha chiesto formalmente al Comune di Palermo, di dotare di un pontone la piscina comunale, ma la Giunta Orlando, per motivi incomprensibili, preferisce non agire e tergiversare“.

I sottoscrittori dell’appello, che rappresentano i 1500 atleti del nuoto agonistico in Sicilia, si rivolgono al presidente, Nello Musumeci e al Coni affinché intervengano per fare in modo che i giovani nuotatori gareggino in questa regione. “Aiutateci – affermano – a trovare soluzioni che garantiscano il diritto allo sport dei nostri ragazzi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Balzebù
di Balzebù

La stramberia dello stop alla Ztl notturna a Palermo

E’ possibile che questo sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, non riesca a mettere un freno alle stramberie del suo assessore alla Mobilità, Giusto Catania? Evidentemente, non ha una grande considerazione per i palermitani, proponendo l’abolizione della Ztl nella fascia oraria notturna
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.