Palermo: a scuola non le fanno il regalo, lei urla contro gli alunni. È bufera! :ilSicilia.it
Palermo

SCOPPIA IL CASO A PALERMO

Palermo: a scuola non le fanno il regalo, lei urla contro gli alunni. È bufera

10 Giugno 2019

Quattordici famiglie su sedici non le fanno il regalo di fine anno e lei inveisce contro gli alunni: questo è quello che sarebbe avvenuto in una scuola di Palermo, ovvero l’Istituto Comprensivo Politeama. La professoressa avrebbe reagito in maniera dura nei confronti degli studenti di una classe, dovendo constatare il fatto che la quasi totalità delle famiglie non le avessero proposto il presente da lei aspettato.

Mi auguro che da grandi non sarete come i vostri genitori che vi stanno dando dei cattivi esempi“, avrebbe detto l’insegnante dopo avere ricevuto il regalo solo da due alunni. E avrebbe rifiutato il dono di un terzo bambino, che aveva confezionato un segnalibro di carta con le sue mani quando aveva saputo che i suoi si erano rifiutati di partecipare alla colletta per il regalo.

La maestra avrebbe biasimato il comportamento di un altro alunno: “Eri nel gruppo per il regalo e ti sei ritirato“. E ancora: “Sono contenta di diventare dirigente scolastico così da non vedere più voi e i vostri genitori“.

Nella giornata di venerdì, le famiglie hanno deciso di portare i figli a scuola alle 9.30 in segno di protesta verso la professoressa, che aveva lezione durante la prima ora di lezione. Le famiglie coinvolte starebbero organizzando una raccolta firme, al fine di poter avviare un’azione legale nei confronti della professoressa della scuola palermitana.

Contemporaneamente, le famiglie degli alunni coinvolti avrebbero tentato di mettersi in contatto con la dirigente della scuola, senza però riuscire nell’intento.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.