Palermo, a Villa Adriana il nuovo Museo della Sicilianità: tra arte e tradizioni :ilSicilia.it
Palermo

Il 15 giugno l'inaugurazione

Palermo, a Villa Adriana il nuovo Museo della Sicilianità: tra arte e tradizioni

di
13 Giugno 2019

Sabato 15 giugno alle ore 18 verrà inaugurato a Villa Adriana, a Palermo, il nuovo Museo della Sicilianità. Il polo museale vuole proporre alla città un ampio ventaglio di proposte artistiche e culturali e raccontare un pezzo di storia della nostra terra.

Con l’apertura del nuovo museo Villa Adriana tornerà a mostrare i suoi splendori ai visitatori. La villa settecentesca è, infatti, una delle più rinomate dimore storiche della Piana dei Colli, nell’ampia zona a nord della città storica, compresa tra Monte Pellegrino, Monte Gallo e Monte Billiemi.

L’apertura del museo è stata fortemente voluta dalla cooperativa Sicilia isola dei tesori, alla quale è stata affidata la dimora dalle suore Francescane dell’Eucaristia. 

A qualcuno, però, nello specifico, si deve tutto ciò. È, infatti, Giacomo Callari, collezionista d’arte, editore, talent scout e un po’ anche mecenate, colui che sta finalmente dando corpo e vita a uno dei suoi più grandi desideri, coltivato per oltre 10 anni: un luogo in cui concentrare quanto di più bello possano esprimere l’arte e l’artigianato siciliani.

”È vero, è sempre stato il mio grande sogno – afferma Callari -. Da oltre dieci anni raccolgo opere d’arte, manufatti e quanto di più bello il nostro artigianato riesce a esprimere. Avevo bisogno di un luogo tanto ampio da potere raccogliere tutto e, dopo tanto cercare, ho avuto questa opportunità che ho colto al volo. I lavori di ristrutturazione sono stati tanti, ma siamo ormai del tutto pronti ad accogliere cittadini, scuole, istituzioni e realtà che desiderino conoscere Villa Adriana come quel polo culturale che diventerà nel giro di poco tempo”.

Una vera e propria operazione culturale quella che Giacomo Callari sta per avviare, offrendo uno spazio a tutti quegli artisti che
solitamente cercano un luogo prestigioso per esporre le proprie opere, dando modo alle scolaresche di visitare mostre, partecipare a laboratori e, allo stesso tempo, conoscere la storia di questa villa.

Per non parlare delle rassegne musicali e teatrali, delle presentazioni di libri, di eventi che guardano a 360 gradi alla cultura, avendo sempre ben chiaro in mente che questo sarà un luogo di eccellenza nel quale a fare da padrona dovrà essere sarà la qualità, selezionata attentamente da chi crede che si possa ancora fare e offrire la vera cultura.

In questo viaggio alla scoperta delle nostre radici, le tante stanze daranno modo di conoscere la storia della Sicilia dal punto di vista dei suoi mestieri e delle battaglie, combattute per rivendicare i diritti dei più deboli, attraverso le tante opere pittoriche in mostra.

Ogni ambiente racconterà un pezzo del nostro passato, andando dai temi della legalità a quelli più satirici. Questi ultimi sono ben rappresentati dalle opere scultoree di Silvia Chiarello e quelle pittoriche del padre Antonio, classe 1956, originario di Caltanissetta.

Uno spazio, dunque, nel quale finalmente può tornare a risplendere il sole della Sicilia, isola dei tanti tesori da recuperare, curare e tramandare per un futuro ancora ricco di memoria.

All’inaugurazione ci saranno anche i compagni di viaggio di Ri-coltiviAmo, progetto sostenuto dalla Fondazione con il Sud e da Enel Cuore Onlus, nell’ambito dell’iniziativa Terre Colte 2017.

L’ingresso è gratuito, ma occorre prenotarsi al 389.2158948.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.