Palermo, abusivi in un bene confiscato alla mafia: via allo sgombero :ilSicilia.it
Palermo

Era stato affidato all'associazione Mandarinarte

Palermo, abusivi in un bene confiscato alla mafia: via allo sgombero

di
13 Gennaio 2018

E’ iniziato questa mattina a Palermo, nella località di Ciaculli, lo sgombero delle famiglie di senza casa che avevano occupato un bene confiscato alla mafia e affidato all’associazione Mandarinarte, che vi ha allestito un laboratorio di dolci e conserve e attivato una rete di incontri sul tema della legalità. Fino a quando a inizio dicembre alcune famiglie non hanno forzato l’ingresso e si sono piazzati nella struttura.

Lo sgombero, su input della prefettura, vede impegnati poliziotti, carabinieri, vigili urbani e tecnici del Comune. Ci sono anche gli assistenti sociali per assistere i minori e se necessario prenderli in carico.

L’immobile confiscato era stato occupato da due nuclei familiari, complessivamente composti da quattro adulti e cinque minori. Come accertato dalle forze di polizia, gli occupanti abusivi, già denunciati, avevano distrutto documenti contabili e amministrativi dell’ente, nonché alcune targhe affisse presso l’immobile, tra cui quella riportante la dicitura “Bene di proprietà del Comune di Palermo confiscato alla mafia”.

Del caso si era occupata anche Stefania Petyx per Striscia la Notizia.

Abusivi occupano struttura a Ciaculli, interviene “Striscia”: “Se viene la polizia ci facciamo prendere per pazzi”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.