Palermo, addio ai blocchi antiterrorismo: arrivano i dissuasori a scomparsa | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

NELLE AREE PEDONALI

Palermo, addio ai blocchi antiterrorismo: arrivano i dissuasori a scomparsa | FOTO

29 Aprile 2019

SCORRI LE FOTO IN ALTO

A Palermo arrivano finalmente i “bollards“, dissuasori a scomparsa automatici per sostituire i brutti blocchi di cemento “New Jersey”, le barriere antiterrorismo presenti nelle aree pedonali di via Maqueda e corso Vittorio Emanuele.

Tra un paio di settimane circa dovrebbero arrivare i primi 15 dissuasori automatici retrattili che consentiranno un accesso più sicuro e miglioreranno il decoro all’ingresso delle aree pedonali.

La proposta era partita già un anno fa dal gruppo consiliare M5S (LEGGI QUI), seguita poi dalla mozione approvata all’unanimità dalla VI Commissione (LEGGI QUI) composta da Ottavio Zacco, Alessandro Anello, Igor Gelarda, Toni Sala e Francesco Scarpinato.

Del resto, gli ingombranti blocchi di cemento deturpano i contesti storici e danno la sensazione di vivere in una città sotto assedio, alimentando il senso di paura da eventuali attacchi terroristici. La scelta dei bollards invece, garantisce sicurezza e allo stesso tempo un miglioramento estetico.

Oggi Giulia Argiroffi (M5S) scrive: «Avevamo proposto e chiesto la sostituzione dei blocchi “new Jersey” con dissuasori retrattili più di un anno fa in Consiglio Comunale e ci avevano riso contro… La demagogia è davvero un brutto strumento che rispecchia i modi di chi deride le idee altrui e poi le “rubacchia”, senza riconoscere meriti e valore».

 

LEGGI ANCHE:

Antiterrorismo: il M5S contro i blocchi di cemento in via Maqueda. Sì ai dissuasori a scomparsa

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.