Palermo: addio alle auto nei mercati storici. Accesso vietato anche col pass ZTL :ilSicilia.it
Palermo

Il provvedimento della Giunta Orlando

Palermo: addio alle auto nei mercati storici. Accesso vietato anche col pass ZTL

27 Agosto 2018

Al via il procedimento di pedonalizzazione e regolamentazione delle Zone a Traffico Limitato nei mercati storici “Capo”, “via Sant’Agostino” e “via Bandiera” nei quali varrà una restrizione della circolazione maggiore rispetto a quanto avviene nella più ampia zona della ZTL centrale.

Il provvedimento, anticipato a maggio da un’apposita delibera di Giunta del Comune di Palermo (LEGGI QUI) ora trova il via libera.

Le aree oggetto della nuova regolamentazione sono quelle che sono indicate come ZTL o come pedonali nel Piano Particolareggiato Esecutivo per il centro storico e nel Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU), oltre ad alcune ad esse limitrofe, nelle quali la limitazione del traffico è funzionale alla migliore fruibilità e funzionalità delle prime.

Mercato capo pedonale
Capo

In particolare, nell’area dei tre mercati, dalle 8 alle 20 di tutti i giorni sarà vietata la circolazione di tutte le auto (anche munite di pass ZTL) e motocicli, ad eccezione di quelli dei residenti. Tale restrizione si protrarrà, inoltre, fino alle ore 24 del giovedì, venerdì e sabato, e la domenica mattina.

Il provvedimento mira a rivalutare le realtà commerciali e sociali dei mercati storici, nonché a favorire lo sviluppo di attività consone con il territorio, quale volano fondamentale per la vitalità, la vivibilità e l’attrattività di queste zone della città e per lo sviluppo dell’economia ad esse collegate.

Massimo Castiglia, Pres. I Circoscrizione
Massimo Castiglia, Pres. I Circoscrizione

Per il presidente della I Circoscrizione, Massimo Castiglia, “si tratta di un provvedimento importante perché frutto di un lungo dialogo e scambio di idee fra l’Amministrazione, la Circoscrizione, i residenti e i commercianti; un importante percorso di condivisione e partecipazione, analogo a quello che interessa altre zone del Centro storico”.

Il sindaco Leoluca Orlando sottolinea come “questo provvedimento è un ulteriore tassello di un percorso di sempre maggiore vivibilità e fruibilità del centro, in uno con il percorso di regolamentazione delle attività commerciali, che potranno finalmente svolgersi nel pieno rispetto della normativa, con importanti prospettive di sviluppo legate alla ritrovata attrattività turistica del centro e alla possibilità di ampliare la tipologia merceologica”.

Orlando vert“Questo provvedimento – conclude il sindaco – così tanto voluto proprio da commercianti e residenti, è un ulteriore stimolo a proseguire sulla strada delle pedonalizzazioni anche in altre zone della città e proprio per questo, nei primi giorni di settembre con l’assessora Riolo, le Commissioni consiliari Urbanistica e Attività produttive e con la Circoscrizione ci incontreremo per tornare ad affrontare il tema delle pedonalizzazioni a Sferracavallo“.

Su quest’ultimo punto infatti, il Comune aveva registrato un clamoroso flop all’esperimento di pedonalizzazione nella borgata marinara. L’area pedonale è stata revocata poche settimane fa, come richiesto dalla VII Circoscrizione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.