Palermo-Agrigento cantiere infinito, l'incompiuta della vergogna | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

DISAGI PER LAVORATORI ED AUTOMOBILISTI

Palermo-Agrigento cantiere infinito, l’incompiuta della vergogna | VIDEO

di
6 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La SS189, ovvero la strada statale Palermo-Agrigento. Uno “scorrimento veloce” che dovrebbe collegare la Sicilia tirrenica a quella mediterranea, attraverso 125 km che si snodano fra le province di Palermo, Caltanissetta, Enna e Agrigento. Ma di rapido questo tratto viario non possiede praticamente nulla.

Al di là dell’annosa vicenda che riguarda il ponte nei pressi di Bolognetta, il vero tratto martoriato di questa strada è rappresentato dal tratto compreso fra Villafrati e lo svincolo di Enna.

Una vera e propria gimcana fra passaggi a corsia unica, cantieri eterni e semafori che rendono i tempi di percorrenza insostenibili. Mediamente, per percorrere la SS189, un automobilista medio impiega fra le 2 ore e mezza e le 3 ore.

Divieto di sorpasso, deviazioni a go-go e tratti con i “New Jersey” a delimitare strettoie che di notte diventano molto pericolose. Il tutto condito da strade dissestate, piene di trappole, con un limite di velocità perenne a 30 km/h, roba che neanche i romani con i calessi.

Insomma, la Palermo-Agrigento è tutto fuorché uno scorrimento veloce. Tanti i paesi praticamente isolati da questa situazione. Da Villafrati a Cammarata, da Mezzojuso a Castronovo di Sicilia, per passare da comuni quali Vicari e Bivona.

Una situazione figlia di contenziosi e di cantieri eterni che fanno di questo tratto viario l’ennesima incompiuta siciliana. Il tutto infine per la felicità dei pendolari e dei camionisti che, ogni giorno, si trovano a percorrere questa strada.

SCORRI LE FOTO IN BASSO

Foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.