Palermo-Agrigento cantiere infinito, l'incompiuta della vergogna | VIDEO :ilSicilia.it
Agrigento

DISAGI PER LAVORATORI ED AUTOMOBILISTI

Palermo-Agrigento cantiere infinito, l’incompiuta della vergogna | VIDEO

di
6 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La SS189, ovvero la strada statale Palermo-Agrigento. Uno “scorrimento veloce” che dovrebbe collegare la Sicilia tirrenica a quella mediterranea, attraverso 125 km che si snodano fra le province di Palermo, Caltanissetta, Enna e Agrigento. Ma di rapido questo tratto viario non possiede praticamente nulla.

Al di là dell’annosa vicenda che riguarda il ponte nei pressi di Bolognetta, il vero tratto martoriato di questa strada è rappresentato dal tratto compreso fra Villafrati e lo svincolo di Enna.

Una vera e propria gimcana fra passaggi a corsia unica, cantieri eterni e semafori che rendono i tempi di percorrenza insostenibili. Mediamente, per percorrere la SS189, un automobilista medio impiega fra le 2 ore e mezza e le 3 ore.

Divieto di sorpasso, deviazioni a go-go e tratti con i “New Jersey” a delimitare strettoie che di notte diventano molto pericolose. Il tutto condito da strade dissestate, piene di trappole, con un limite di velocità perenne a 30 km/h, roba che neanche i romani con i calessi.

Insomma, la Palermo-Agrigento è tutto fuorché uno scorrimento veloce. Tanti i paesi praticamente isolati da questa situazione. Da Villafrati a Cammarata, da Mezzojuso a Castronovo di Sicilia, per passare da comuni quali Vicari e Bivona.

Una situazione figlia di contenziosi e di cantieri eterni che fanno di questo tratto viario l’ennesima incompiuta siciliana. Il tutto infine per la felicità dei pendolari e dei camionisti che, ogni giorno, si trovano a percorrere questa strada.

SCORRI LE FOTO IN BASSO

Foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino
Foto di Pietro Minardi e Giuseppe Bertolino

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin