19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.56
Palermo

Tra gli eventi collaterali di "Manifesta 12"

Palermo, ai Cantieri Culturali gli scatti “politici” di Katharina Sieverding | FOTOGALLERY

31 Maggio 2018
'
'
'
Katharina Sieverding ENCODE VII, 2006 Digitaldruck auf Vliesrückenpapier/ Digital print on non-woven paper 252 x 356 cm © Katharina Sieverding, VG Bild-Kunst Bonn 2018 Photo: © Klaus Mettig, VG Bild-Kunst Bonn 2018
'
'
'
'
'

PALERMO – La fotografa tedesca Katharina Sieverding ha dei temi d’elezione sui quali ruota la sua produzione che, in una selezione, verrà presentata a Palermo tra gli eventi Collateral di Manifesta 12.

Sovrapposizioni e stratificazioni, migrazione e integrazione: si muove in questi “spazi” fisici e sociali la Sieverding che, nell’anno di Palermo Capitale Italiana della Cultura, negli spazi dell’Haus der Kunst ai Cantieri Culturali alla Zisa, espone 14 opere.

L’inaugurazione si svolgerà il 14 giugno, preview dalle 16,30 alle 18,30, alla presenza dell’artista.

La scelta della Sieverding, in collaborazione con l’associazione  Düsseldorf Palermo e la direzione di Manifesta 12, segna un’arte che utilizza tutte le possibilità tecniche della fotografia e di altri media attraverso un atteggiamento critico-mediatico.

Originaria di Praga, la fotografa è una voce autorevole all’interno della scena artistica internazionale, ed è considerata la Grande dame della fotografia tedesca.

Katharina Sieverding

Le sue opere trasfigurano l’immagine di partenza convertendola in una nuova composizione attraverso l’uso alienante del colore e della luce.

Frasi rimosse dal loro contesto vengono giustapposte nelle immagini spingendo verso interpretazioni frammentate.

Le opere presentate a Palermo, (252 x 365 cm) realizzate tra il 1969 e il 2018, sono affisse senza pretese direttamente al muro con un forte richiamo ai cartelloni pubblicitari, con l’obiettivo di avvicinare lo spettatore all’opera.

Ed è lo stesso spettatore a stringere relazioni tra l’immagine di partenza, l’immagine trasfigurata e le alienazioni artistiche utilizzate dall’artista; così il pubblico diventa parte integrante della stessa.

Le opere di grande formato, invece, si mostrano ancora fortemente attuali e affrontano conflitti concreti.

Arte e fotografia – ha spiegato – devono opporsi al potere e smontarne le immagini spesso tronfie e comunque false che i potenti ci propinano”.

AM FALSCHEN ORT è il titolo di uno dei suoi lavori più rappresentativi già installato a Düsseldorf in 66 spazi pubblici, luogo ideale, visibile a tutti, che rappresentano la piattaforma dove discutere e indagare conflitti politici e sociali.

Katharina Sieverding

L’opera consiste in un montaggio di due immagini differenti tratte dai giornali: il campo profughi di Zaatari al confine siriano, abitato da circa 100 mila migranti, e l’immagine di due soldati russi che caricano un missile su un caccia bombardiere su cui campeggia la scritta che dà il nome all’opera che l’artista coglie dall’autobiografia di Edward W. Said, il padre spirituale del post-colonialismo.

La sovrapposizione e la stratificazione di immagini e testo provocano e colpiscono il fruitore dimostrandosi nel contesto della città di Palermo, della sua storia e del suo presente, più attuali che mai.

Fino al 4 novembre 2018.

 

 

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.