19 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.50
Palermo

Lo spettacolo più atteso della stagione

Palermo: al Biondo ritorna “Slava’s Snowshow”, opera del clown più famoso al mondo

18 Marzo 2019

È certamente lo spettacolo più atteso della stagione 2019 al Teatro Biondo di Palermo, che ospita dal 20 al 31 marzo, uno degli spettacoli più amati dal pubblico di tutte le età: “Slava’s Snowshow“.

Considerato “un classico del teatro del XX secolo“, replicato in decine di paesi, centinaia di città, migliaia di volte per milioni di spettatori, ha come autore il geniale Slava Polunin, “il miglior clown del mondo“, che ha saputo rinnovare la tradizione arricchendola con invenzioni teatrali sorprendenti.

Ispirandosi alla raffinata filosofia della pantomima di Marcel Marceau e all’umana e comica amarezza dei grandi film di Charlie Chaplin, Slava ha creato il suo personale clown, meditabondo, gentile e poetico.

Slava's

Slava’s Snowshow è uno spettacolo emozionante, poetico, coinvolgente, che riesce a incantare gli spettatori di qualsiasi età: dai bambini (consigliato a partire dagli 8 anni) ai genitori, che ritornano anch’essi un po’ bambini lasciandosi trasportare dalla magia dei colori, delle musiche e delle invenzioni sceniche, fino all’attesissimo finale che diventa una grande festa per tutti, con i palloni variopinti che rimbalzano tra il palcoscenico e la platea, in un gioco che coinvolge i clown e il pubblico.

Lo stesso Slava definisce il suo show “un teatro rituale magico e festoso costruito sulla base delle immagini e dei movimenti, sui giochi e sulle fantasie, che sono le creazioni comuni al pubblico e alla gente di teatro; un teatro che nasce dai sogni e dalle fiabe, che crea un’unione epica e intimistica tra tragedia e commedia, assurdità e spontaneità, crudeltà e tenerezza; un teatro che sfugge a qualsiasi definizione, all’interpretazione univoca delle sue azioni e da qualsiasi tentativo di limitazione della sua libertà“.

Slava's
Slava Polunin

Polunin nel 1993 raccolse le gag e gli sketch più famosi del suo repertorio in un unica opera, appunto  Slava’s Snowshow, precedentemente intitolato Yellow, che in breve tempo diventa un fenomeno, tanto da valergli il riconoscimento“Time Out Award”, oltre al “Lawrence Olivier”, “Drama Desk”, “Triumph”, “Golden Nose”.

Come tutte le opere di Slava, lo spettacolo dovrebbe essere descritto come un work in progress, un’esperienza in continua evoluzione di idee, innovazioni ed invenzioni.

L’ispirazione creativa di Slava ha uno scopo ben preciso: traghettare il clown teatrale nel XXI secolo continuando a incantare le famiglie di tutto il mondo.

Sul sito del Teatro giorni, orari delle repliche e disponibilità dei biglietti.

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.