Palermo, al Borgo dei Giusti si presenta "La famiglia di piazza Stamira": la storia di 4 fratelli ebrei durante il nazifascismo :ilSicilia.it
Palermo

il libro

Palermo, al Borgo dei Giusti si presenta “La famiglia di piazza Stamira”: la storia di 4 fratelli ebrei durante il nazifascismo

di
28 Ottobre 2021

Domani, venerdì alle 17,30 al Borgo dei Giusti, vicolo san Carlo in via Alloro, avverrà la presentazione del libro di Marco Cavallarin, “La famiglia di piazza Stamira”, la storia di 4 fratelli ebrei e le loro vicissitudini ai tempi del nazifascismo. All’incontro sarà presente anche l’autore.

I Sacerdoti, anconetani ebrei, attraversano le traversie del Novecento: il fascismo, le leggi antisemite, l’occupazione tedesca, la Shoah. Sara va in Palestina aderendo al progetto sionista, Enzo entra nella Resistenza, Vittorio fa il medico clandestino al Fatebenefratelli di Roma, Cesarina sfugge agli eccidi nazisti e fascisti del Lago Maggiore. Quattro vite sincrone che narrano, da quattro diversi punti di vista che si intersecano, storie esemplari di italiani ebrei tra dittatura, guerra, persecuzione e fuga. E non mancano l’ironia, il witz, il racconto delle risorse che li hanno aiutati a resistere al dilagare del male. La narrazione si sviluppa con le loro parole integrate dai testi ricavati dalla grande mole di documentazione privata, epistolare e fotografica, passata con amore di generazione in generazione e ritrovata nei cassetti e nei bauli delle case. Sono quindi percorsi di memoria, testimonianze che non hanno la pretesa della completa veridicità storica, ma solo quella di poter essere contributo alla ricerca. E che soprattutto vogliono onorare il ricordo di quattro persone che ci hanno aiutati, con discrezione, a crescere e a formarci. Queste pagine sono destinate a chi vuole conoscere qualche aspetto inedito di cosa siano stati il fascismo e il nazismo. Fare memoria significa tramandare non tanto per ricordare i fatti quanto per trarre da essi, e da chi con essi ha avuto a che fare, i valori etici di riferimento.

Marco Cavallarin, (1948), studioso di ebraismo e colonialismo italiano, documentarista. Collabora con il Museo Mem. di Sciesopoli Ebraica, il CDEC e la Casa della Memoria di Milano. È consigliere dell’Ass. Figli della Shoah. Ha scritto di ebraismo, di arte e società in Eritrea, di storia del sionismo, di Resistenza e di ebrei partigiani. Tra le pubblicazioni più recenti: Ebrei in Cina. Il Caso di «Tien Tsin» (Belforte), Per la riabilitazione dei soldati italiani fucilati nella Grande Guerra, in «Annali» 24/2016 (Museo St. It. della Guerra), Aliyah Beth. Il ritorno alla vita dei Bambini di Selvino (Unicopli), Enrico Levi, capitano di lungo corso, in Navi della speranza, Aliya Bet dall’Italia 1945-1948 (Proedi). Filmografia recente: Shalom Asmara (2004) (menzione spec. «Pitigliani Kolno’a Film Festival»), Chalutzim (2006), Jews of Tien Tsin (2011), Dolce usignolo dall’ala ferita: Leone Sinigaglia (2015), Le parole di Ventotene. Ernesto Rossi: il progetto di Europa unita (Ethnos 2019; miglior film «Asti Film Festival»). Produzione e ricerca per HaBricha (La Fuga) (Meni Elias, 2013) e Terra promessa (Daniele Tommaso, Ist. Luce 2020).

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.