15 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.58
Palermo

Il gruppo presenterà il nuovo album

Palermo, al Teatro del Mediterraneo Occupato le note dei Colle der fomento

13 Maggio 2019

Unica tappa siciliana a Palermo per il gruppo romano Colle der fomento che si esibirà al Teatro del Mediterraneo Occupato il 18 Maggio in occasione della presentazione del  nuovo album Adversus, uscito lo scorso 16 novembre dopo 11 anni dal loro ultimo successo Anima e ghiaccio.

All’interno dell’album, si incontrano vari generi della musica quali rap, rock, jazz, hip hop, blues, i quali si contaminano senza mai snaturarsi, mantenendo la loro riconoscibilità e proponendo una sfumatura nuova all’interno della discografia del gruppo.

Durante l’esibizione, saranno eseguiti tutti i quattordici brani dell’ultimo lavoro, insieme ai loro successi storici fra i quali, Il cielo su Roma e Quello che ti do, ormai diventati dei classici all’interno del loro repertorio. MasitoDanno e  DJ Baro  saranno accompagnati per tutte le date dal tour dal campione di beatbox Alien Dee, special guest dell’evento.

L’evento è realizzato in collaborazione con il Centro Sociale Anomalia e il Centro Sociale Ex Karcere. Il Teatro Mediterraneo Occupato, che da anni realizza produzioni teatrali e organizza eventi all’interno dell’ex Fiera del Mediterraneo, ponendosi come importante e alternativa dimensione culturale e artistica, è la location più naturale per un gruppo che fa dello stile underground parte del suo Dna musicale.

Il Teatro Mediterraneo Occupato si trova nel Padiglione 1 all’interno della Fiera del Mediterraneo, mentre la biglietteria è sita in via Anwar Sadat, 13.  L’ingresso è previsto per le 19,30. Alle 20 ci sarà la proiezione del documentario dedicato al nuovo album  X tutto questo tempo, prodotto dal gruppo romano, mentre alle 22 entrerà in console dj Stonic. I Colle der fomento saliranno sul palco intorno alle ore 23.00 e a seguire dj 4raro, rap internazionale.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.