Palermo: al Teatro Massimo "La Traviata" fa sold out, successo per Alberto Maniaci :ilSicilia.it
Palermo

IN SCENA FINO AL 27 SETTEMBRE

Palermo: al Teatro Massimo “La Traviata” fa sold out, successo per Alberto Maniaci

14 Settembre 2019

Sold out ieri sera alla Prima de “La Traviata” al Teatro Massimo di Palermo. A debuttare in Sala Grande e nella stagione di Opere e balletti del Teatro Massimo è stato il giovane direttore d’orchestra palermitano Alberto Maniaci, che già aveva avuto modo di dirigere altre volte l’Orchestra del Massimo.

ph © rosellina garbo 2019

Arrangiatore e autore, Maniaci è oggi tra i più giovani direttori d’orchestra d’Italia. Nel 2016 è stato l’unico direttore allievo italiano di Riccardo Muti per la seconda edizione della “Riccardo Muti Music Academy” e oltre agli svariati premi e riconoscimenti internazionali, i suoi arrangiamenti in ambito classico sono stati eseguiti da importanti nomi del panorama vocale internazionale come Vincenzo La Scola, Katia Ricciarelli e Sagi Rei, per il quale ha arrangiato il celebre I’ll fly with you. A dicembre Maniaci dirigerà un’altra opera verdiana Il trovatore al teatro di Sassari.

In scena fino al 27 settembre La Traviata, con la regia di Mario Pontiggia, ripresa da Angelica Dettori, le scene di Antonella Conte e Francesco Zito, che ha curato anche i costumi, e le luci di Bruno Ciulli, si compone di un cast molto giovane (under 40).

Oltre a quello di Maniaci, un altro debutto importante è stato quello di Ruth Iniesta, trentatreenne soprano spagnolo nel ruolo della protagonista, Violetta, e quello di Ciro Visco, per la prima volta alla guida del Coro della Fondazione.

Palermo: al teatro Massimo Alberto Maniaci dirige la prima de “La Traviata”

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.