Palermo. Al via la seconda edizione di "Clarinet Sicily Festival" :ilSicilia.it
Palermo

L'inaugurazione domenica 29 aprile

Palermo. Al via la seconda edizione di “Clarinet Sicily Festival”

di
27 Aprile 2018

Ritorna il Clarinet Sicily Festival nella seconda edizione 2018, con un’inaugurazione speciale che si terrà domenica 29 aprile ore 18.30 al Real Teatro Santa Cecilia di Palermo.

mediterranean-soloist-clarinetsUno spettacolo da non perdere dal titolo “Suoni tra le dita” ideato e immaginato dal clarinettista/compositore Giovanni Mattaliano, con la partecipazione di numerosi musicisti, dal Mediterranean Soloist Clarinets e i suoi solisti provenienti da ogni parte della Sicilia, all’Orchestra La Bottega delle Percussioni diretti da Salvo Compagno, gli artisti Angela Di Blasi esperta di CuciArte che realizzerà una scenografia estemporanea tessendo tutti i musicisti in scena e Maria Paola Marsala pittura estemporanea e danza, il violinista improvvisatore Davide Rizzuto.

Le musiche autografe sono dello stesso Mattaliano, Giuseppe Testa, Ninni Pedone, Massimo Patti, Maurice Ravel, della tradizione etnica e jazz. L’evento autoprodotto con un ingresso di 10 euro è supportato dal Brass Group di Palermo, dalla Buffet Crampon di Parigi, da Siciliando, dall’etichetta Jazzliveimprovisation, dalla banda Santa Cecilia di Cefalù e dall’Anbima.

Uno strumento sonoro dall’anima stradaiola, classica, bandistica, popolare, etnica, jazz, che nel tempo ha donato creatività speciali a tutti i musicisti che lo impersonano e animano. La manifestazione artistica è dedicata al clarinettista italo americano Leon Roppolo (di origini siciliane di Salaparuta) noto per essere stato membro del New Orleans Rhythm Kings, tra le migliori band Dixiland della storia della musica, il suo suono ha influenzato diversi musicisti tra cui lo stesso Benny Goodman che in seguito diventerà il Re dello swing.

Un’inaugurazione nell’anno di Palermo Capitale della Cultura nel significato più ampio di una terra che vive, da secoli, anche di creatività. Lo spettacolo è incentrato sulle capacità ritmiche ed espressive dei partecipanti che realizzeranno la performance come in una grande festa di paese volta alla libertà di scena ed alla felicità artistica tipica dei luoghi mediterranei.

All’evento del 29 aprile parteciperà il Mediterranean Soloist Clarinets composto dai clarinettisti: Antonino Lampasona, Giovanni La Mattina, Ninni Pedone, Giuseppe Testa, Giovanni Mattaliano, Massimo Vella, Salvatore Spera, Andrea Santangelo, Domenico Calia, Francesco Maranto, Antonino Anzelmo, Antonella Navetta, Salvatore La Placa, Vincenzo Toscano, Calogero Lillo Lino, Paolo Miceli, Filippo Pizzi, Vito Latora, Girolamo Manenti, Marco Cascioferro, Alessandro Pellegrino, Alberto Salerno, Giuseppe Geraci, Samuele Lo Cascio, Domenico Di Carlo, Biagio Borgese, Giuseppe Varvaro, Giuseppe Virga, Ottavio Brucato e tanti altri.

La direzione artistica del festival, che prevede 4 appuntamenti tra aprile e luglio, è curata da Giovanni Mattaliano e Giuseppe Testa.

Il concerto “Suoni tra le dita” verrà replicato il 16 giugno alle ore 21.15 nello splendido Baglio Bannata di piazza Armerina. Il 21 e 22 luglio il festival si sposterà a Cefalù nella villa Bordonaro e nell’atrio Vescovile dove verranno tenute delle masterclass con nuovi repertori e di tradizione e con concerti dal titolo “Il canto del solo” e “Il clarinetto solista e la banda”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin