Palermo, al via un ciclo di webinar sulla mostra dedicata a Sebastiano Tusa :ilSicilia.it
Palermo

inizieranno mercoledì 26 gennaio alle 16.30

Palermo, al via un ciclo di webinar sulla mostra dedicata a Sebastiano Tusa

di
26 Gennaio 2022

Prende il via mercoledì 26 gennaio alle 16.30 un ciclo di webinar di approfondimento sulla grande mostra “Sebastiano Tusa, una vita per la cultura”, dedicata all’archeologo scomparso tragicamente nel 2019. Si tratta Undici appuntamenti online con esperti e studiosi di archeologia subacquea per conoscere meglio gli argomenti presentati nell’esposizione in corso all’Arsenale della Marina Regia di Palermo che sarà visitabile per tutto il 2022.

Tanti gli argomenti trattati: dalla nascita della passione per la preistoria alle prime esperienze di archeologia subacquea in Sicilia: dalle esperienze istituzionali con il Gruppo di Intervento di Archeologia Subacquea Sicilia al Servizio per il Coordinamento delle Ricerche Archeologiche Sottomarine, due “invenzioni” di Sebastiano Tusa che hanno gettato le basi per l’istituzione della Soprintendenza del Mare avvenuta nel 2004, e che ancora oggi rappresenta una struttura d’eccellenza unica in Europa che ha segnato la svolta nella ricerca archeologica subacquea e nella tutela del patrimonio sommerso.

E ancora le collaborazioni con le Forze dell’Ordine, i Pionieri della subacquea in Sicilia, le missioni e le collaborazioni internazionali, la creazione degli itinerari culturali sommersi e i progetti tecnologici, le grandi scoperte archeologiche e la esatta localizzazione della Battaglia delle Egadi, altra grande intuizione di Sebastiano Tusa. Un ricco programma, insomma, che sarà fruibile online sulla piattaforma Google Meet e rivolto a tutti tramite un link che sarà pubblicato sulla pagina facebook della Soprintendenza del Mare e sul profilo Instagram della mostra.

L’omaggio a Sebastiano Tusa, reso attraverso la grande mostra allestita all’Arsenale della Marina Regia di Palermo – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – è un’occasione oltre che per celebrare Sebastiano Tusa, anche per approfondire tematiche legate all’archeologia subacquea. Il ciclo di webinair programmati dalla Soprintendenza del Mare a integrazione della stessa mostra, offre la grande opportunità di conoscere la storia della Sicilia sommersa, accompagnati da studiosi e protagonisti, che ci consentiranno affrontare un viaggio interessante senza muoversi da casa propria“.

Il programma:

Mercoledì 26 Gennaio • Introduzione alla mostra: Sebastiano Tusa studioso di preistoria

Valeria Li Vigni – Massimo Cultraro

Mercoledì 02 Febbraio • I pionieri della subacquea

Nello Bonvissuto – Gianfranco Purpura – Salvino Antioco

Mercoledì 09 Febbraio • I collezionisti del Mare: Vincenzo Sole e Antonino Lagumina

Roberto Filloramo – Gabriella Monteleone

Mercoledì 16 Febbraio • Dal GIASS alla Soprintendenza del Mare

Floriana Agneto – Salvo Emma – Edoardo Famularo

Giovedì 17 Febbraio • L’Atlante siciliano di W.H. Smyth e i modellini navali – DIRETTA

FACEBOOK

Chiara Caldarella – Giovanni Provenzano

Lunedì 21 Febbraio • Battaglia delle Egadi e sviluppi della ricerca subacquea

Valeria Li Vigni – Luigi Fozzati

Mercoledì 23 Febbraio • Le scoperte nei mari di Sicilia

Timmy Gambin – Francesca Oliveri – Fabrizio Sgroi – Roberto La Rocca

Mercoledì 2 Marzo • Itinerari culturali subacquei, tecnologie e progetti futuri

Pietro Selvaggio – Salvo Emma – Stefano Biondo – Stefano Zangara

Mercoledì 9 Marzo • Tutela del Patrimonio culturale sommerso e Sistema informativo

territoriale

Gianluigi Marmora – Claudio Di Franco – Ferdinando Maurici

Mercoledì 16 Marzo • Valorizzazione degli itinerari subacquei al parco di Taormina-

Giardini Naxos.

Gabriella Tigano – Nicolò Bruno

Mercoledì 23 Marzo • Collaborazioni nazionali ed internazionali della Soprintendenza del Mare

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.