13 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.31
Palermo

IL COMMENTO SULLA DECISIONE DEL TRIBUNALE FEDERALE

Palermo, il presidente Albanese sulla sentenza: “Non riesco a comprenderla”

13 Maggio 2019

Intervenuto ai microfoni di Italpress, il presidente dell’U.S. Città di Palermo, Alessandro Albanese, ha commentato la sentenza emessa dal Tribunale Federale che ha condannato il Palermo alla retrocessione in Lega Pro: “Sentenza pesantissima che non riesco a comprendere. Non riesco a comprenderla, pur avendola riletta, la stiamo rileggendo insieme ai legali“. Il presidente rosanero ha subito ribadito che la società di viale del Fante presenterà appello avverso la decisione del Tribunale Federale”.

Con riguardo alle prossime mosse della società, Alessandro Albanese ha tenuto subito a precisare che l’impegno della società sarà costante: “La proprietà, che ho sentito poc’anzi, è ancora più motivata. Aggiungo che, nel proporre appello, si darà evidenza dei fondi per fare un grande campionato di Serie A in caso ci dovessimo arrivare sul campo e ci stiamo muovendo, con la cordata di imprenditori, per dare supporto alla proprietà. Questo per dimostrare che, se non si fosse capito, c’è una nuova proprietà che ha l’opportunità di rilanciare il Palermo in ambito nazionale ed internazionale, che si è più motivati di prima. Pertanto confidiamo nell’appello e speriamo che un eventuale traslazione dei play-off non debba sacrificare, come al solito, sempre il Palermo“.

Infine, incalzato dalle domande relative alla possibile retrocessione e, quindi, al possibile cambio di strategie societarie, il presidente rosanero ha dichiarato: “Noi dobbiamo aspettare l’appello, non ci sentiamo assolutamente in Serie C, aspettiamo l’appello. Ci sono ancora due gradi di giudizio. Avevamo fiducia prima, abbiamo ancora più fiducia ora dopo aver letto questa sentenza, la stiamo analizzando bene in modo tale che l’appello possa essere un appello abbastanza motivato“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.