Palermo, Albanese sulla sentenza: "Non riesco a comprenderla" :ilSicilia.it
Palermo

IL COMMENTO SULLA DECISIONE DEL TRIBUNALE FEDERALE

Palermo, il presidente Albanese sulla sentenza: “Non riesco a comprenderla”

di
13 Maggio 2019

Intervenuto ai microfoni di Italpress, il presidente dell’U.S. Città di Palermo, Alessandro Albanese, ha commentato la sentenza emessa dal Tribunale Federale che ha condannato il Palermo alla retrocessione in Lega Pro: “Sentenza pesantissima che non riesco a comprendere. Non riesco a comprenderla, pur avendola riletta, la stiamo rileggendo insieme ai legali“. Il presidente rosanero ha subito ribadito che la società di viale del Fante presenterà appello avverso la decisione del Tribunale Federale”.

Con riguardo alle prossime mosse della società, Alessandro Albanese ha tenuto subito a precisare che l’impegno della società sarà costante: “La proprietà, che ho sentito poc’anzi, è ancora più motivata. Aggiungo che, nel proporre appello, si darà evidenza dei fondi per fare un grande campionato di Serie A in caso ci dovessimo arrivare sul campo e ci stiamo muovendo, con la cordata di imprenditori, per dare supporto alla proprietà. Questo per dimostrare che, se non si fosse capito, c’è una nuova proprietà che ha l’opportunità di rilanciare il Palermo in ambito nazionale ed internazionale, che si è più motivati di prima. Pertanto confidiamo nell’appello e speriamo che un eventuale traslazione dei play-off non debba sacrificare, come al solito, sempre il Palermo“.

Infine, incalzato dalle domande relative alla possibile retrocessione e, quindi, al possibile cambio di strategie societarie, il presidente rosanero ha dichiarato: “Noi dobbiamo aspettare l’appello, non ci sentiamo assolutamente in Serie C, aspettiamo l’appello. Ci sono ancora due gradi di giudizio. Avevamo fiducia prima, abbiamo ancora più fiducia ora dopo aver letto questa sentenza, la stiamo analizzando bene in modo tale che l’appello possa essere un appello abbastanza motivato“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.