Palermo, alla chiesa di Santa Caterina si svelano i "Tesori di Ciminna" | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

all'interno del calendario per Exstasis 

Palermo, alla chiesa di Santa Caterina si svelano i “Tesori di Ciminna” | Video interviste

di
16 Dicembre 2019

Guarda la video intervista in alto

Nell’ottica di promuove la valorizzazione e la promozione delle preziosissime opere presenti nei diversi paesi del territorio dell’Arcidiocesi di Palermo, è stata inaugurata la mostra dal titolo “Sacra et Pretiosa – Tesori di Ciminna“.

L’esposizione, a cura di Lina Bellanca, soprintendente ai Beni culturali di Palermo, e di padre Giuseppe Bucaro, direttore dell’Ufficio Beni culturali dell’Arcidiocesi, con la collaborazione di Maria Reginella, storica dell’arte, e del restauratore Mauro Sebastianelli, è frutto della collaborazione instauratosi fra gli enti preposti e l’Ufficio Beni culturali della diocesi.

Prima tappa Ciminna

Il primo appuntamento ha coinvolto il Comune e la Parrocchia di Ciminna.

Questa mostra – come ci ha detto padre Giuseppe Bucaro nella video intervista – è solo la prima di un progetto a lungo raggio. Sono testimonianze d’arte e di fede di grande valore storico e simbolico, che raccontano vivacità culturale e religiosa di queste realtà. Oltre a Ciminna pensiamo, per esempio, ai tesori conservati nei centri di Caccamo, Termini Imerese e Castronovo di Sicilia”.

Vito Barone, sindaco di Ciminna, il paese che fu set di Visconti per le scene della Chiesa di Donnafugata, ha sottolineato la vocazione religiosa della comunità e i tanti tesori d’arte racchiusi nelle sue chiese. Tutte da valorizzare.

I tesori di Ciminna
I tesori di Ciminna

La loro esposizione – ha detto – sarà un’opportunità per farli conoscere a un pubblico più vasto. Puntiamo molto sull’offerta culturale, che potrebbe aiutare lo sviluppo di un piccolo centro ricco di opere d’arte qual è il nostro”.

Sono esposti oltre 60 fra dipinti, argenti e opere tessili, datati prevalentemente fra XVII e XVIII secolo, provenienti dalla Chiesa madre, dalle chiese e dal Municipio di Ciminna.

Molte di queste opere sono state donate dai feudatari: fra questi, i preziosi corali miniati realizzati nel XVII secolo da Don Santo Giganti e una sedia intagliata e dorata sempre del XVII secolo usata da papa Benedetto XVI nella sua visita a Palermo.

Ancora si potranno ammirare un polittico proveniente dalla Chiesa madre, già Chiesa del Purgatorio, attribuito a Riccardo Quartararo, pittore del XV secolo, e opere di Gerardi, Sarullo, La Barbera e un Crocifisso di Antonello Gagini.

La mostra è uno degli appuntamenti in calendario per Exstasis (ingresso € 5; apertura ore 10-18); fino a febbraio 2020.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.