Palermo, alla chiesa di Santa Caterina si svelano i "Tesori di Ciminna" | Video interviste :ilSicilia.it
Palermo

all'interno del calendario per Exstasis 

Palermo, alla chiesa di Santa Caterina si svelano i “Tesori di Ciminna” | Video interviste

di
16 Dicembre 2019

Guarda la video intervista in alto

Nell’ottica di promuove la valorizzazione e la promozione delle preziosissime opere presenti nei diversi paesi del territorio dell’Arcidiocesi di Palermo, è stata inaugurata la mostra dal titolo “Sacra et Pretiosa – Tesori di Ciminna“.

L’esposizione, a cura di Lina Bellanca, soprintendente ai Beni culturali di Palermo, e di padre Giuseppe Bucaro, direttore dell’Ufficio Beni culturali dell’Arcidiocesi, con la collaborazione di Maria Reginella, storica dell’arte, e del restauratore Mauro Sebastianelli, è frutto della collaborazione instauratosi fra gli enti preposti e l’Ufficio Beni culturali della diocesi.

Prima tappa Ciminna

Il primo appuntamento ha coinvolto il Comune e la Parrocchia di Ciminna.

Questa mostra – come ci ha detto padre Giuseppe Bucaro nella video intervista – è solo la prima di un progetto a lungo raggio. Sono testimonianze d’arte e di fede di grande valore storico e simbolico, che raccontano vivacità culturale e religiosa di queste realtà. Oltre a Ciminna pensiamo, per esempio, ai tesori conservati nei centri di Caccamo, Termini Imerese e Castronovo di Sicilia”.

Vito Barone, sindaco di Ciminna, il paese che fu set di Visconti per le scene della Chiesa di Donnafugata, ha sottolineato la vocazione religiosa della comunità e i tanti tesori d’arte racchiusi nelle sue chiese. Tutte da valorizzare.

I tesori di Ciminna
I tesori di Ciminna

La loro esposizione – ha detto – sarà un’opportunità per farli conoscere a un pubblico più vasto. Puntiamo molto sull’offerta culturale, che potrebbe aiutare lo sviluppo di un piccolo centro ricco di opere d’arte qual è il nostro”.

Sono esposti oltre 60 fra dipinti, argenti e opere tessili, datati prevalentemente fra XVII e XVIII secolo, provenienti dalla Chiesa madre, dalle chiese e dal Municipio di Ciminna.

Molte di queste opere sono state donate dai feudatari: fra questi, i preziosi corali miniati realizzati nel XVII secolo da Don Santo Giganti e una sedia intagliata e dorata sempre del XVII secolo usata da papa Benedetto XVI nella sua visita a Palermo.

Ancora si potranno ammirare un polittico proveniente dalla Chiesa madre, già Chiesa del Purgatorio, attribuito a Riccardo Quartararo, pittore del XV secolo, e opere di Gerardi, Sarullo, La Barbera e un Crocifisso di Antonello Gagini.

La mostra è uno degli appuntamenti in calendario per Exstasis (ingresso € 5; apertura ore 10-18); fino a febbraio 2020.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco