Palermo: alla scoperta del Museo del disegno con Nicolò D'Alessandro | VIDEO Intervista :ilSicilia.it
Palermo

"L'arte è un rito collettivo che va condiviso"

Palermo: alla scoperta del Museo del disegno con Nicolò D’Alessandro | VIDEO Intervista

di
26 Maggio 2020

Guarda la video intervista in alto

Tra gioco, finzione e scrittura si colloca il modo di “fare arte” di Nicolò D’Alessandro, protagonista della vita culturale siciliana, e non solo, dagli anni ’60.

Nicolò D’Alessandro ci ha aperto, dopo la quarantena, le porte della sua casa studio ovvero il Museo del disegno, una “Home Gallery” in piena regola, l’unica in Sicilia (tra le cinque in Italia) che definisce uno “spazio d’amore“.

Molti sono convinti che l’Arte in generale sia un’esperienza solitaria – ci dice D’Alessandro – ciò vale nella specifica fase di creazione e di realizzazione fisica. La percezione del mondo e la sua traduzione sono la sintesi di un’esperienza collettiva“.

Nicolò D'Alessandro
Nicolò D’Alessandro nel suo laboratorio

Nato a Tripoli da genitori siciliani nel 1944, a Palermo cinque anni fa ha istituito, con le proprie forze, questo piccolo museo dove sono concentrate molte delle sue opere che, in diversi momenti dell’anno, interagiscono con quelle degli artisti che ospita per mostre, esposizioni o happening.

La peculiarità di questo scrigno d’arte e passione sta anche nella possibilità di fruire le opere molto da vicino, potendole anche toccare e “sentire“, come ci tiene a sottolineare D’Alessandro.

Tra segno e disegno Nicolò si definisce una persona che cerca di comprendere la vita – non riuscendoci ci confessa sorridendo – e che nella scrittura ritrova quell’inganno magico che, tutt’oggi, gli permette di ricreare lo stupore che si prova davanti all’ignoto.

Autore anche di racconti e libri d’arte nei decenni di attività D’Alessandro ha anche partecipato a mostre in giro per il mondo, da New York a Mosca, ritornando sempre alla sua Sicilia.

In questi mesi di distanziamento sociale il Museo è rimasto chiuso ma D’Alessandro ha continuato la sua attività e presto pubblicherà “La lunga notte vuota“, collazione della produzione degli ultimi mesi.

Credo moltissimo nel ruolo dell’artista che agisce nel tempo, sono fiducioso sulla sua funzione sociale di condivisione di un rito collettivo che coinvolge e nutre tutti. Ho scelto la professione più improbabile che viene commercializzata ma io preferisco il mercato delle idee”.

L’intento del Museo del disegno, in definitiva, è quello di mantenere viva la memoria, attraverso una vicenda privata, delle qualità nascoste di Palermo, rivendicando la capacità di rendere visibile il lavoro degli artisti.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.