15 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.43
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

Le opere sono di Max Papeschi e Max Ferrigno

Palermo, allo Zac l’incontro di pace tra Trump e Kim Jong-un diventa arte | FOTO

22 gennaio 2019
'
'
'
'
'
'
'

Guarda la fotogallery in alto 

Mai come in questi mesi l’arte sembra nutrirsi più della cronaca che dell’ispirazione trascendentale e in quest’ottica si inaugurerà, giovedì 24 gennaio alle ore 18, la mostra “Pyongyang Rhapsody | The Summit of Love” allo spazio ZAC dei Cantieri Culturali alla Zisa.

Correva il 12 giugno 2018, data storica, quando il presidente Donald Trump strinse la mano in segno di pace al leader Kim Jong-un: sette mesi dopo, a Palermo, si “celebra” questo evento tra Stati Uniti e Nord Corea con le opere di Max Papeschi e di Max Ferrigno.

Alla maniera dei due artisti, già noto al pubblico siciliano, l’incontro diventa il palcoscenico surreale di un confronto forzato e irridente, grottesco ed inverosimile, sbozzato ad arte in un gioco di specchi tra i due personaggi.

L’elemento che hanno in comune, Papeschi e Ferrigno, infatti, dichiarato senza trucco e senza inganno, è la loro spasmodica fascinazione nei confronti dei due leader, ognuno a suo modo, totalitario.

L’esposizione, promossa dal Comune di Palermo e organizzata dalla neonata Fondazione Jobs, curata da Laura Francesca di Trapani, rimarrà fruibile fino al 24 marzo; ingresso libero dal martedì alla domenica (9,30 – 18,30).

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il ragazzo con la valigia

Non era più l’istruzione a far da discriminante nel mettere le valige in mano ai giovani. Era l’ottusità di certe politiche e l’incapacità di questa terra nel costruire un futuro migliore a spingere i giovani ad andare via.