Palermo, altri due autovelox in viale Regione. Ecco dove :ilSicilia.it
Palermo

SOTTO IL PONTE DI VIA GIAFAR

Palermo, altri due autovelox in viale Regione. Ecco dove

di
30 Settembre 2018

Dopo quelli installati in estate sotto il ponte di Bonagia, arrivano a Palermo altri due autovelox lungo l’asse di viale Regione Siciliana. Sono stati posizionati all’ingresso e all’uscita dell’autostrada Palermo-Catania, e precisamente sotto il ponte di via Giafar.

Con questi due nuovi autovelox fissi, diventano quindi sei i punti fissi di controllo della velocità sulla Circonvallazione del capoluogo siciliano. Al momento però non sono attivi: entreranno in funzione a metà della prossima settimana, dicono dal comando dei vigili urbani.

Sul web è già partito il coro di polemiche: sono in tanti a considerarlo uno strumento del Comune per fare cassa.

Ancora nessuna notizia invece per quelli che erano previsti nei pressi del Ponte Corleone, dove il limite di velocità è di 30 Km/h. È probabile che il Comune abbia deciso di posticipare questo intervento (inizialmente fissato per luglio).

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: Ponte Corleone via ai lavori, in arrivo due autovelox per il limite a 30Km/h | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.