Palermo, altro atto vandalico contro Igor Gelarda (Lega): "Non mi fermo, in Sicilia siamo sulla strada giusta" :ilSicilia.it
Palermo

E' il secondo in pochi giorni

Palermo, altro atto vandalico contro Igor Gelarda (Lega): “Non mi fermo, in Sicilia siamo sulla strada giusta”

28 Aprile 2019

A Palermo si è verificato un altro atto vandalico a scopo intimidatorio ai danni di Igor Gelarda, candidato della Lega alle elezioni europee del 26 maggio nel collegio Sicilia e Sardegna.

Un manifesto elettorale con l’immagine del responsabile siciliano enti locali del Carroccio, oltre che capogruppo in Consiglio comunale, è stato divelto e posizionato “a testa in giù” su un marciapiede in centro città, davanti ad un locale commerciale in disuso. Su Facebook è comparsa una fotografia, con il commento: “È giusto stare al proprio posto: #backtothefogna“.

Si tratta del secondo atto intimidatorio subìto in pochi giorni da Gelarda. Nella notte fra il 19 e 20 aprile, un altro manifesto elettorale, un maxi cartellone in zona Borgo Vecchio, era stato imbrattato con la scritta “Traditore della Sicilia“.

Un messaggio inquietante, quello indirizzato al referente regionale del partito guidato da Matteo Salvini, che ha suscitato la solidarietà dei vertici del Carroccio, con in testa il senatore Stefano Candiani, sottosegretario al ministero dell’Interno e commissario della Lega in Sicilia.

Intanto, la concessionaria pubblicitaria che si occupa delle affissioni elettorali in città rivela: “Fino ad ora nessun altro candidato ha avuto problemi per i manifesti in questa campagna elettorale. Stiamo avendo problemi di ogni tipo, non era mai successa una cosa del genere“. La società, inoltre, rende noto che anche altri due manifesti della Lega con l’immagine di Gelarda sono stati fortemente manomessi.

Le pressioni che sto subendo, e sfido chiunque a non viverle come atti intimidatori, non mi spaventano – dice Gelarda – anzi mi danno la forza di andare avanti convinto come sono che la Lega ha messo in campo un governo del buon senso che tanto farà per la Sicilia. I cittadini da ogni angolo dell’Isola ci stanno dando fiducia, prova ne sono le piazze piene del 25 e 26 aprile a Corleone, Monreale, Bagheria, Caltanissetta, Gela, Motta S. Anastasia e Mazara del Vallo per Matteo Salvini – conclude Gelarda – un leader insieme al quale costruiremo lo sviluppo della Sicilia, per non costringere tutti i nostri figli ad emigrare“.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo, intimidazione nella notte a Gelarda (Lega): “Traditore della Sicilia”

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.