Palermo, Anello Ferroviario: via al progetto del 2° lotto, ecco tutte le novità :ilSicilia.it
Palermo

L'INTERVISTA

Palermo, Anello Ferroviario: via al progetto del 2° lotto, ecco tutte le novità

di
27 Febbraio 2020

Via finalmente alla progettazione del 2° lotto dell’Anello Ferroviario di Palermo, dal Politeama a Notarbartolo.

Mentre il 1° lotto (Giachery-Porto-Politeama) vive un ritardo monstre per le note vicende della Tecnis (ora sostituita dall’impresa D’Agostino Costruzioni), adesso si cerca di portare avanti anche il secondo stralcio dell’appalto.

I fondi stanziati a dicembre 2017 dall’ex ministro alle Infrastrutturre, Graziano Delrio erano 100 milioni di euro, che dovrebbero essere impegnati entro il 31 dicembre 2021.

«Questi fondi fino a pochi mesi fa – spiega l’ingegnere di RFI Filippo Palazzo a ilSicilia.it – erano in capo al Comune di Palermo, come committente dell’opera. Il Comune ha chiesto poi il passaggio dei fondi a RFI per la progettazione definitiva. RFI ha risposto sostanzialmente: “Per noi va bene se il MIT si pronuncia positivamente. Perché a quel punto entrerebbe ufficialmente nella Infrastruttura Ferroviaria Nazionale e, quindi, risponderebbe al contratto di servizio”. Il MIT proprio pochi mesi fa (fine novembre 2019) ha dato l’ok al transito dei fondi; per cui ora sono passati a RFI che ha dato incarico a Italferr per la redazione del progetto. Per guadagnare tempo, con Italferr abbiamo già iniziato la progettazione il 1 gennaio 2020 e abbiamo fatto qualche sondaggio nel sottosuolo». 

Venerdì scorso c’è stato un incontro in Direzione Tecnica per il tracciato. C’era già uno studio di fattibilità: la novità è che da questo verrà cassato il collegamento con “tapis roulant pedonale sotterraneo” dalla fermata Politeama (sotto piazza S. Oliva) fino al Tribunale.

Secondo i tecnici di Italferr infatti, questo collegamento fino al Palazzo di Giustizia poteva essere pericoloso: «Può essere un’arma a doppio taglio. Perché un cunicolo sotterraneo lì, in termini di sicurezza, avrebbe bisogno di attenzioni e cure particolari. E poi chi lo gestisce?»

Quindi stop al tapis roulant voluto all’epoca dall’ex Provincia, e inserito nello studio di fattibilità. Il tracciato resta confermato dal Politeama fino a Notarbartolo, con una nuova fermata a “Malaspina.

La talpa Tbm "Marisol" a Notarbartolo
La talpa Tbm “Marisol” a Notarbartolo (2016) © D. G.

Ma come mai 100 milioni per una sola fermata, quando nel 1° lotto con 154 milioni si hanno tre fermate?

«Il costo maggiore – spiega Palazzo – è dovuto al metodo di scavo. Non sarà cut & cover come nel 1° lotto, ma sarà usata una talpa che partirà da Malaspina e scaverà fino al Politeama. Essendo che il tracciato è breve, serve un ammortamento per la talpa, e il costo sale. Poi, non potendo fare il pozzo di estrazione a piazza Politeama, la talpa farà retromarcia e uscirà da dove era entrata, cioè dal pozzo Malaspina».

Il progetto «sarà pronto entro 6 mesi – assicura Palazzo – poi andrà al MATTM (Ministero dell’Ambiente, ndr), poi richiesta di conferenza di servizi, ecc…». 

Insomma siamo ancora agli albori. Una volta terminato il progetto definitivo, poi bisognerà arrivare al bando per quello Esecutivo e quindi ai lavori veri e propri. Visti i tempi biblici degli appalti in Italia, considerando che per il via al 1° lotto (tra ricorsi, perizie di variante e altre battaglie legali) ci sono voluti oltre 10 anni… La strada è ancora lunga.

Questa comunque, è la fase più importante per evitare ritardi poi in fase di scavo.

raffaele-cantone

Come denunciò l’Anac nella relazione firmata da Cantone nel 2015, infatti, nel 1° lotto: «ben 4 varianti su 7 appaiono ascrivibili a una inadeguata valutazione dello stato dei luoghi: un dato, questo, sicuramente indicativo di una generale carenza dimostrata da Italferr spa in sede di redazione del progetto definitivo (…) Un notevole incremento di costo rispetto al quale Italferr spa non può dirsi esente da responsabilità a causa delle carenze mostrate dalla progettazione definitiva».

Italferr poi replicò così: «Tra l’approvazione del progetto definitivo in questione e la consegna all’appaltatore delle prestazioni di progettazione esecutiva, è intercorso un periodo di tempo significativo (circa 5 anni) a causa del contenzioso innestato dalla seconda classificata nella procedura di gara. Nel frattempo è quindi sopravvenuta anche una modifica dello stato dei luoghi ovvero della rete dei sottoservizi, che ha reso in parte superato il censimento delle interferenze effettuato nella fase di progetto definitivo».

Il 1° lotto, infatti, passò da 76 a 154 milioni. I lavori ora sono in mano alla D’Agostino, che ha acquisito l’appalto per le grane giudiziarie di Tecnis.

Non resta che incrociare le dita.

LEGGI ANCHE:

Politeama-Malaspina-Notarbartolo. Delrio firma il decreto: ecco 100 milioni per completare l’Anello Fs

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.