Palermo, Anello Ferroviario: via al progetto del 2° lotto, ecco tutte le novità :ilSicilia.it
Palermo

L'INTERVISTA

Palermo, Anello Ferroviario: via al progetto del 2° lotto, ecco tutte le novità

di
27 Febbraio 2020

Via finalmente alla progettazione del 2° lotto dell’Anello Ferroviario di Palermo, dal Politeama a Notarbartolo.

Mentre il 1° lotto (Giachery-Porto-Politeama) vive un ritardo monstre per le note vicende della Tecnis (ora sostituita dall’impresa D’Agostino Costruzioni), adesso si cerca di portare avanti anche il secondo stralcio dell’appalto.

I fondi stanziati a dicembre 2017 dall’ex ministro alle Infrastrutturre, Graziano Delrio erano 100 milioni di euro, che dovrebbero essere impegnati entro il 31 dicembre 2021.

«Questi fondi fino a pochi mesi fa – spiega l’ingegnere di RFI Filippo Palazzo a ilSicilia.it – erano in capo al Comune di Palermo, come committente dell’opera. Il Comune ha chiesto poi il passaggio dei fondi a RFI per la progettazione definitiva. RFI ha risposto sostanzialmente: “Per noi va bene se il MIT si pronuncia positivamente. Perché a quel punto entrerebbe ufficialmente nella Infrastruttura Ferroviaria Nazionale e, quindi, risponderebbe al contratto di servizio”. Il MIT proprio pochi mesi fa (fine novembre 2019) ha dato l’ok al transito dei fondi; per cui ora sono passati a RFI che ha dato incarico a Italferr per la redazione del progetto. Per guadagnare tempo, con Italferr abbiamo già iniziato la progettazione il 1 gennaio 2020 e abbiamo fatto qualche sondaggio nel sottosuolo». 

Venerdì scorso c’è stato un incontro in Direzione Tecnica per il tracciato. C’era già uno studio di fattibilità: la novità è che da questo verrà cassato il collegamento con “tapis roulant pedonale sotterraneo” dalla fermata Politeama (sotto piazza S. Oliva) fino al Tribunale.

Secondo i tecnici di Italferr infatti, questo collegamento fino al Palazzo di Giustizia poteva essere pericoloso: «Può essere un’arma a doppio taglio. Perché un cunicolo sotterraneo lì, in termini di sicurezza, avrebbe bisogno di attenzioni e cure particolari. E poi chi lo gestisce?»

Quindi stop al tapis roulant voluto all’epoca dall’ex Provincia, e inserito nello studio di fattibilità. Il tracciato resta confermato dal Politeama fino a Notarbartolo, con una nuova fermata a “Malaspina.

La talpa Tbm "Marisol" a Notarbartolo
La talpa Tbm “Marisol” a Notarbartolo (2016) © D. G.

Ma come mai 100 milioni per una sola fermata, quando nel 1° lotto con 154 milioni si hanno tre fermate?

«Il costo maggiore – spiega Palazzo – è dovuto al metodo di scavo. Non sarà cut & cover come nel 1° lotto, ma sarà usata una talpa che partirà da Malaspina e scaverà fino al Politeama. Essendo che il tracciato è breve, serve un ammortamento per la talpa, e il costo sale. Poi, non potendo fare il pozzo di estrazione a piazza Politeama, la talpa farà retromarcia e uscirà da dove era entrata, cioè dal pozzo Malaspina».

Il progetto «sarà pronto entro 6 mesi – assicura Palazzo – poi andrà al MATTM (Ministero dell’Ambiente, ndr), poi richiesta di conferenza di servizi, ecc…». 

Insomma siamo ancora agli albori. Una volta terminato il progetto definitivo, poi bisognerà arrivare al bando per quello Esecutivo e quindi ai lavori veri e propri. Visti i tempi biblici degli appalti in Italia, considerando che per il via al 1° lotto (tra ricorsi, perizie di variante e altre battaglie legali) ci sono voluti oltre 10 anni… La strada è ancora lunga.

Questa comunque, è la fase più importante per evitare ritardi poi in fase di scavo.

raffaele-cantone

Come denunciò l’Anac nella relazione firmata da Cantone nel 2015, infatti, nel 1° lotto: «ben 4 varianti su 7 appaiono ascrivibili a una inadeguata valutazione dello stato dei luoghi: un dato, questo, sicuramente indicativo di una generale carenza dimostrata da Italferr spa in sede di redazione del progetto definitivo (…) Un notevole incremento di costo rispetto al quale Italferr spa non può dirsi esente da responsabilità a causa delle carenze mostrate dalla progettazione definitiva».

Italferr poi replicò così: «Tra l’approvazione del progetto definitivo in questione e la consegna all’appaltatore delle prestazioni di progettazione esecutiva, è intercorso un periodo di tempo significativo (circa 5 anni) a causa del contenzioso innestato dalla seconda classificata nella procedura di gara. Nel frattempo è quindi sopravvenuta anche una modifica dello stato dei luoghi ovvero della rete dei sottoservizi, che ha reso in parte superato il censimento delle interferenze effettuato nella fase di progetto definitivo».

Il 1° lotto, infatti, passò da 76 a 154 milioni. I lavori ora sono in mano alla D’Agostino, che ha acquisito l’appalto per le grane giudiziarie di Tecnis.

Non resta che incrociare le dita.

LEGGI ANCHE:

Politeama-Malaspina-Notarbartolo. Delrio firma il decreto: ecco 100 milioni per completare l’Anello Fs

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.