Palermo, Anello Fs: dopo 525 giorni di ritardo, ultimati i lavori in zona Porto | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

via Crispi verso la riapertura

Palermo, Anello Fs: dopo 525 giorni di ritardo, ultimati i lavori in zona Porto | FOTO

30 Maggio 2018
Foto M.G.

Completati i lavori al cantiere dell’Anello Ferroviario nella cosiddetta “Area 4”, tra via Emerico Amari e via Francesco Crispi a Palermo. Domani, secondo quanto riferiscono fonti di Rfi, dovrebbe riaprire – il condizionale è d’obbligo – via Crispi. Le maestranze stanno liberando gli spazi dai mezzi di cantiere e si sta ultimando la segnaletica orizzontale.

Francesco Raffa (comitato Amari cantieri)
Francesco Raffa (comitato Amari cantieri)

«Dopo 860 giorni e con 525 giorni di ritardo hanno finito le opere preparatorie! Di questo passo nel 2023 avremo l’opera completa!», ha commentato in tono sarcastico il presidente dell’associazione Amari Cantieri, Francesco Raffa.

Come da ordinanza comunale, gli operai stanno chiudendo la piccola zona di accesso all’Area 3 (che ancora non hanno palificato) e continuano a stendere asfalto nella corsia lato mare.

 

SCORRI LA FOTOGALLERY IN ALTO
© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.