Palermo: anniversario uccisione Lia Pipitone, l'associazione Millecolori inaugura centro antiviolenza :ilSicilia.it
Palermo

SOSTENUTO DA UNICREDIT E COOP ALLEANZA 3.0

Palermo: anniversario uccisione Lia Pipitone, l’associazione Millecolori inaugura centro antiviolenza

di
19 Settembre 2019

In occasione del XXXVI anniversario dell’uccisione di Lia Pipitone, lunedì 23 settembre alle ore 16 in via Ammiraglio Persano a Palermo, l’associazione “Millecolori onlus – Centro antiviolenza Lia Pipitone” presenta la creazione di una casa di accoglienza ad indirizzo segreto per donne e minori vittime di violenza.

La struttura portante, ovvero il centro antiviolenza, sorge nel cuore del quartiere di Monte Pellegrino da anni ed è a disposizione delle vittime. Al suo interno è dotata di professioniste specializzate in consulenza legale e psicologica .

L’apertura della Casa rifugio – sottolinea Adriana Argento, responsabile del Centro Antiviolenza Lia Pipitone per il centro diventa il completamento di un percorso a tutela e garanzia delle vittime di violenza e una risposta più tempestiva alle richieste di messa in sicurezza per le donne che si rivolgono al centro antiviolenza. Speriamo che da ciò possano rafforzarsi i rapporti con la rete antiviolenza già esistente per perseguire l’obiettivo primario ovvero la tutela delle donne”.

Nel corso della nostra attività ci siamo scontrati con alcuni fenomeni che noi piace definire “ incidenti di percorso”, come quello avvenuto lo scorso 23 settembre abbiamo trovato distrutto il gruppo elettrico che consente l’apertura della saracinesca del Centrosottolinea Federica Prestidonatoresponsabile dell’area legale penale del Centro. Ma devo dire che abbiamo riscontato e trovato subito dopo pieno appoggio non solo della parte strettamente istituzionale, ma anche di alcuni partner . Fra questi la Unicredit che, con il contributo “Carta Etica”, ha dotato il Centro Antiviolenza di un sistema di videosorveglianza per una maggiore sicurezza delle Donne e Coop Alleanza 3.0 che ha donato alla Casa di Accoglienza parte dell’arredo. Nonostante alcune difficoltà ci siamo promesse di andare avanti in questo percorso di libertà da ogni forma di violenza”.

A sostegno dell’iniziativa si è posta UniCredit, che “è da sempre vicina alle esigenze del territorio in cui opera – come sottolinea Roberto Cassata, Responsabile Relazioni con il Territorio Sicilia di Unicreditanche in virtù del nostro ruolo di banca di riferimento. Il tema della solidarietà ci sta particolarmente a cuore come banca: noi vogliamo essere non solo finanziatori ma anche protagonisti e facilitatori di un cambiamento nella società. In UniCredit crediamo che per fare bene bisogna fare del bene e questo si traduce concretamente in diverse iniziative”.

Lo stesso entusiasmo ha dimostrato anche un ulteriore partner del progetto, ovvero Coop Alleanza 3.0. “Il sostegno a Casa Lia è coerente con l’impegno manifestato negli anni da Coop – sottolinea Agostino D’Amato, presidente del consiglio di zona Sicilia Nord dei Soci Coop Alleanza 3.0 – nel contrasto alla violenza sulle donne e si realizza grazie alle scelte di consumo dei soci. Infatti, grazie alla campagna “1 per tutti, 4 per te”, soci e clienti possono “votare con il portafogli” sostenendo progetti sociali a favore delle comunità finanziati con l’1% delle vendite di prodotti a marchio Coop”.

A conclusione dell’evento sarà consegnato il Premio “Lia Pipitone”, organizzato in collaborazione con l’Associazione ParteciPalermo e con Libera contro tutte le Mafie, alla Prof.ssa Egle Greco, donna e insegnante, per il suo costante impegno alla lotta contro la Violenza di Genere.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti