Palermo, approvata la Ztl notturna in Giunta. Partirà il 31 gennaio :ilSicilia.it
Palermo

pubblicata l'ordinanza del comune

Palermo, approvata la Ztl notturna in Giunta. Partirà il 31 gennaio

22 Gennaio 2020

Non sono bastati i dissidi da parte dei cittadini e di numerosi consiglieri comunali. La Ztl notturna oggi pomeriggio è stata approvata dalla Giunta Orlando.

Partirà come anticipato il 31 gennaio. Felice l’assessore alla Mobilità Giusto Catania che attraverso i social annuncia l’ok alla delibera. La Ztl notturna scatterà ogni venerdì e sabato, dalle 23 alle 6 del mattino fino a maggio e da quel momento a partire dalle 20.

Scrive l’ordinanza: “Dal primo maggio al 31 ottobre, il venerdì nelle fasce orarie 8/24; il sabato nelle fasce orarie 0,00/6 e 20/24; la domenica nella fascia oraria 0,00/6“.

Dal primo novembre al 30 aprile, il venerdì nelle fasce orarie 8/20 e 23/24; il sabato nelle fasce orarie 0,00/6 e 23/24; la domenica nella fascia oraria 0,00/6“.

Durante questi orari saranno in vigore le stesse regole della Ztl diurna dunque non saranno ammesse le auto da euro 0 a euro 3 mentre le altre vetture potranno accedere solo se in possesso di un pass annuale o semestrale o se pagheranno il pass giornaliero. Varranno anche le regole di sconto sui pass per i mezzi poco inquinanti ovvero ibridi o a gas, che pagheranno la metà della ordinaria tariffa di accesso.

Per i pass giornalieri è prevista una diversa regolamentazione relativamente alla ztl notturna. Chi richiederà un pass giornaliero per le giornate di venerdì o sabato potrà circolare non fino alla mezzanotte come previsto nelle altre giornate (che poi vuol dire fino alle 20 visto che a quell’ora termina il divieto) ma il pass varrà fino alle 6 del mattino del giorno seguente.

Restano esentati ciclomotori e veicoli a due ruote oltre a tutti i mezzi di soccorso e di polizia e ordine pubblico. Restano in vigore anche tutte le altre disposizioni relative alle aree pedonali ed agli orari di carico e scarico merci oltre che le deroghe per i residenti.

Catania giorni fa ha provato a chiarire la scelta attraverso gli organi di stampa: “C’è una strategia di lunga durata che con il sindaco Leoluca Orlando stiamo mettendo in pratica che è incentrata su pedonalizzazioni, investimento sul trasporto pubblico ecologico qual è il tram, piste ciclabili, car sharing, efficientamento energetico degli edifici, raccolta differenziata, pianificazione urbanistica con consumo zero di suolo“.

Questa nuova ordinanza di giunta è l’ennesimo atto di arroganza ed un grande errore politico dell’amministrazione. Superare l’organo collegiale ed imporre una misura così dura per la mobilità cittadina non farà gli interessi della collettività” questo il primo commento di Fabrizio Ferrandelli.

Il consigliere comunale ha concluso: “Siamo pronti alla mobilitazione e all’organizzazione di azioni legali che possano impugnare questo provvedimento ed annunciamo battaglia. Oltre alla miopia politica e all’incapacità di dialogo, ci sono irregolarità che verranno riscontrate anche tramite le nostre recenti interrogazioni che contribuiranno a diradare i dubbi ed affermare le ragioni di chi come noi sta dalla parte della città che si indigna e ribella“.

Un provvedimento equilibrato, che mette al centro la vivibilità e la sicurezza nel centro cittadino e tiene conto delle esigenze dei residenti e di chi lavora in quell’area” così si è espresso il sindaco Leoluca Orlando.

Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Come se fosse Antani

Da oggi un nuovo blog s unisce a quelli già esistenti. Si intitola "Come se fosse Antani", con un riferimento più che esplicito al celebre film. "Amici miei". E' il blog di Giovanna Di Marco