Palermo, artisti e tecnici dello spettacolo in piazza: "Protesteremo ad oltranza" | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

"Stato di agitazione permanente" da nord a sud

Palermo, artisti e tecnici dello spettacolo in piazza: “Protesteremo ad oltranza” | VIDEO

di
30 Maggio 2020

Guarda le video interviste in alto

Anche Palermo si è unita allo stato di agitazione permanente che da Nord a Sud ha unito i lavoratori, a vario titolo e professionalità, del settore cultura e spettacolo.

Oltre a Palermo, in piazza Verdi, anche Bari, Bologna, Cosenza, Firenze, Genova Catania, Napoli, Milano, Roma, Torino, Trieste e Venezia hanno risposto collettivamente, in un coro unico, chiedendo diritti e riconoscimenti.

Mario Barnaba
Mario Barnaba

Palermo si unisce alla tredici piazze – ci ha detto Mario Barnaba, referente della manifestazione in città – dove oggi gli operatori dello spettacolo, in maniera trasversale, tutti quelli che fanno parte del compatto artistico, hanno scelto di uscire dall’invisibilità per rivendicare due punti fondamentali“.

Dopo le richieste delle scorse settimane, rivolte agli amministratori locali e nazionali, rimaste inascoltate, la scelta di scendere in piazza ha come obiettivo la formalizzazione di due richieste fondamentalmente.

Palermo agitazione cultura e spettacolo
piazza Verdi

Chiediamo – continua Barnaba nella video intervista – un reddito di sussistenza che ci traghetti fino alla ripresa dei lavori, in totale sicurezza; e secondo punto, importante, chiediamo di  poterci sedere al tavolo del Ministero per rivedere lo statuto dello spettacolo affinché il comparto artistico possa essere riconosciuto e possa ricevere gli stessi diritti degli altri lavoratori“.

L’idea è quella di rimanere in un presidio costante se la nostra voce non verrà ascoltata“, conclude Barnaba.

In piazza a Palermo tra gli altri costumisti, musicisti, parrucchieri, tecnici e attori.

Filippo Luna
Filippo Luna

Siamo trascurati in questo momento dalle istituzioni ma la trascuratezza del nostro comparto si è incancrenita – ci ha detto l’attore Filippo LunaL’emergenza Covid-19 ha messo in luce quelli che sono i problemi storici della nostra categoria, è arrivato il momento di prenderne consapevolezza e che le istituzioni si riferiscano al  comparto dei lavoratori dello spettacolo prima di legiferare. Non è possibile che non veniamo invitati, con i nostri rappresentanti, ai tavoli istituzionali, così come è inaccettabile che le istituzioni locali non abbiamo istituito un tavolo per parlare con gli artisti del luogo per capire insieme come affrontare questa emergenza“.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro