"Palermo aspira a tornare capitale": la foto scattata dall'indagine Aaster :ilSicilia.it
Palermo

nell’ambito dell’iniziativa Conad Il Grande Viaggio Insieme

“Palermo aspira a tornare capitale”: la foto scattata dall’indagine Aaster

di
21 Settembre 2018

La Palermo di oggi, Capitale della cultura 2018, ha un volto nuovo rispetto al passato: nuovi fermenti culturali la animano, il centro storico è tornato ad essere cantiere di restauri, il porto registra nuovi flussi di merci e persone. Ma il capoluogo siciliano resta ancora l’emblema della grande città del Sud, zavorrata da disoccupazione giovanile, declino demografico e disparità sociali. Da sempre laboratorio di integrazione, “A Palermo non ci sono immigrati, se abiti a Palermo sei palermitano”, ha ricordato di recente il sindaco Leoluca Orlando, la città vede impegnata la sua classe dirigente nella realizzazione di nuove soluzioni per migliorarne la vivibilità, tra cui spiccano un piano di mobilità urbana sostenibile, la creazione di una business community, una Summer School dedicata agli under 35.

Questi temi sono al centro dell’indagine condotta dall’istituto di ricerca Aaster, incaricato da Conad di realizzare uno studio sulla comunità del territorio per analizzare e comprendere i fenomeni che la attraversano in questa fase di profondi cambiamenti sociali, culturali ed economici.

Il lavoro sarà presentato oggi 21 settembre alle 17, nel corso del dibattito Palermo, persone, comunità e valori che si terrà al Teatro di Santa Cecilia, evento che si inserisce nell’ambito dell’iniziativa Conad Il Grande Viaggio Insieme.

All’appuntamento, che si aprirà con i saluti dell’assessore regionale alle Attività Produttive Girolamo Turano, parteciperanno il sindaco Leoluca Orlando, il direttore del Consorzio Aaster Aldo Bonomi e l’amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese, con la dirigente scolastica dell’ICS Sperone-Pertini Antonella Di Bartolo, coordinati dalla giornalista di Oggi Marianna Aprile. A chiusura dell’evento si terrà un concerto de “I Solisti del Sesto Armonico”, diretti dal maestro Peppe Vessicchio.

Al centro del dibattito la morfologia economico sociale della comunità di Palermo nell’immagine scattata da Aaster, che ha confrontato e incrociato i dati socio-economici degli ultimi anni e abbinato all’analisi quantitativa una serie di interviste ad alcuni esponenti delle realtà locali.

Dinamiche demografiche, livello di istruzione, ricchezza e distribuzione dei redditi dei cittadini, vitalità dei comparti produttivi sono alcuni dei dati esaminati e raffrontati con i parametri regionali e nazionali, per isolare ed evidenziare le specificità del territorio. Da qui sono emersi alcuni numeri che più di altri disegnano la conformazione della città, anche se in questo caso non sono sufficienti a descriverne la complessità. Numeri come 670 mila, quanti sono i residenti, che fanno di Palermo il quinto comune in Italia per popolazione e quarto per densità abitativa. O 4 per cento, il tasso di immigrati ogni cento abitanti, la metà della media italiana. Pochi, certo, rispetto al resto del Paese, ma bene integrati. I cittadini stranieri abitano la Palermo più “vera”, quella dei quartieri dei mercati tradizionali: Ballarò, la Vucciria, il Capo.

21 mila euro è invece il reddito medio pro capite per contribuente, appena sotto la media nazionale, ma 48 per cento è la quota dei cittadini che dichiara meno di 15 mila euro, una quota che la dice lunga su quanto i palermitani abbiano sofferto la crisi. 23,7 per cento è il tasso di disoccupazione previsto per il 2018, percentuale che colloca Palermo al sesto posto nazionale tra le province con il maggior disagio occupazionale. D’altra parte, con il 14,3 per cento, la città si colloca al secondo posto tra i 46 comuni italiani con oltre 100 mila abitanti per numero di imprese giovanili sul totale. Non mancano i segnali di entusiasmo, l’entusiasmo di chi vuole tornare a essere capitale del Mediterraneo: e lo dimostra un numero come 50, quanti sono gli imprenditori palermitani che hanno dato vita al think tank Palermo 2030, o 2018, l’anno in cui Palermo è diventata capitale della cultura, e che segna in un certo senso l’inizio di una rinascita.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin