18 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.15
Palermo

nell’ambito dell’iniziativa Conad Il Grande Viaggio Insieme

“Palermo aspira a tornare capitale”: la foto scattata dall’indagine Aaster

21 Settembre 2018

La Palermo di oggi, Capitale della cultura 2018, ha un volto nuovo rispetto al passato: nuovi fermenti culturali la animano, il centro storico è tornato ad essere cantiere di restauri, il porto registra nuovi flussi di merci e persone. Ma il capoluogo siciliano resta ancora l’emblema della grande città del Sud, zavorrata da disoccupazione giovanile, declino demografico e disparità sociali. Da sempre laboratorio di integrazione, “A Palermo non ci sono immigrati, se abiti a Palermo sei palermitano”, ha ricordato di recente il sindaco Leoluca Orlando, la città vede impegnata la sua classe dirigente nella realizzazione di nuove soluzioni per migliorarne la vivibilità, tra cui spiccano un piano di mobilità urbana sostenibile, la creazione di una business community, una Summer School dedicata agli under 35.

Questi temi sono al centro dell’indagine condotta dall’istituto di ricerca Aaster, incaricato da Conad di realizzare uno studio sulla comunità del territorio per analizzare e comprendere i fenomeni che la attraversano in questa fase di profondi cambiamenti sociali, culturali ed economici.

Il lavoro sarà presentato oggi 21 settembre alle 17, nel corso del dibattito Palermo, persone, comunità e valori che si terrà al Teatro di Santa Cecilia, evento che si inserisce nell’ambito dell’iniziativa Conad Il Grande Viaggio Insieme.

All’appuntamento, che si aprirà con i saluti dell’assessore regionale alle Attività Produttive Girolamo Turano, parteciperanno il sindaco Leoluca Orlando, il direttore del Consorzio Aaster Aldo Bonomi e l’amministratore delegato di Conad Francesco Pugliese, con la dirigente scolastica dell’ICS Sperone-Pertini Antonella Di Bartolo, coordinati dalla giornalista di Oggi Marianna Aprile. A chiusura dell’evento si terrà un concerto de “I Solisti del Sesto Armonico”, diretti dal maestro Peppe Vessicchio.

Al centro del dibattito la morfologia economico sociale della comunità di Palermo nell’immagine scattata da Aaster, che ha confrontato e incrociato i dati socio-economici degli ultimi anni e abbinato all’analisi quantitativa una serie di interviste ad alcuni esponenti delle realtà locali.

Dinamiche demografiche, livello di istruzione, ricchezza e distribuzione dei redditi dei cittadini, vitalità dei comparti produttivi sono alcuni dei dati esaminati e raffrontati con i parametri regionali e nazionali, per isolare ed evidenziare le specificità del territorio. Da qui sono emersi alcuni numeri che più di altri disegnano la conformazione della città, anche se in questo caso non sono sufficienti a descriverne la complessità. Numeri come 670 mila, quanti sono i residenti, che fanno di Palermo il quinto comune in Italia per popolazione e quarto per densità abitativa. O 4 per cento, il tasso di immigrati ogni cento abitanti, la metà della media italiana. Pochi, certo, rispetto al resto del Paese, ma bene integrati. I cittadini stranieri abitano la Palermo più “vera”, quella dei quartieri dei mercati tradizionali: Ballarò, la Vucciria, il Capo.

21 mila euro è invece il reddito medio pro capite per contribuente, appena sotto la media nazionale, ma 48 per cento è la quota dei cittadini che dichiara meno di 15 mila euro, una quota che la dice lunga su quanto i palermitani abbiano sofferto la crisi. 23,7 per cento è il tasso di disoccupazione previsto per il 2018, percentuale che colloca Palermo al sesto posto nazionale tra le province con il maggior disagio occupazionale. D’altra parte, con il 14,3 per cento, la città si colloca al secondo posto tra i 46 comuni italiani con oltre 100 mila abitanti per numero di imprese giovanili sul totale. Non mancano i segnali di entusiasmo, l’entusiasmo di chi vuole tornare a essere capitale del Mediterraneo: e lo dimostra un numero come 50, quanti sono gli imprenditori palermitani che hanno dato vita al think tank Palermo 2030, o 2018, l’anno in cui Palermo è diventata capitale della cultura, e che segna in un certo senso l’inizio di una rinascita.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Cos’è il matrimonio?

Nel matrimonio è assolutamente sbagliato restare insieme a tutti i costi. Le liti possono essere campanelli di allarme prima del disastro e delle tragedie conseguenti a separazioni dettate dall’odio e dalla frustrazione.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.