Palermo, Azione +Europa: "Dati falsi del piano di riequilibrio approvato" :ilSicilia.it
Palermo

l'annuncio

Palermo, Azione +Europa: “Dati falsi del piano di riequilibrio approvato”

di
9 Maggio 2022

Il piano di riequilibrio approvato dal consiglio comunale di Palermo lo scorso 31 gennaio, secondo il Ministero dell’Interno “si fonda in parte significativa su nuove entrate tributarie, oggi consentite solo dalle richiamate disposizioni eccezionali, quale l’addizionale Irpef e quella sui diritti di imbarco, per le quali non sono state acquisite ancora le necessarie deliberazioni consiliari di adozione delle stesse”.

Lo scrive l’ufficio che si occupa di consulenza e studi finanza locale e consulenza per il risanamento degli enti locali dissestati del ministero. Una istruttoria che è stata aperta in seguito alla segnalazione sulla “grave violazione del criterio di veridicità e del principio di prudenzialità nella redazione del piano di riequilibrio, sulla previsione di incremento dati di riscossione sproporzionati e sovrastimati, sulla manifesta inesattezza nel calcolo del fondo crediti di dubbia esigibilità, sulla mancata approvazione del bilancio pluriennale 2021-2023 e sullo squilibrio strutturale negli anni 2022, 2023 e 2024 fatta da 10 consiglieri comunali con in testa Fabrizio Ferrandelli e Ugo Forello, che oggi hanno rivelato ai giornalisti l’esito della istruttoria del Ministero dell’Interno alla presenza di Giulia Argiroffi, Cesare Mattaliano tra i firmatari dell’esposto a Roma. Nel documento si evidenzia “complessivamente dagli atti in possesso, il piano di riequilibrio adottato, si presenta quale contenitore di misure in gran parte subordinate ad entrate nuove al momento non certe, che condizionano, di fatto, l’intero impianto del piano”.

Duro Forello che parla di “schifo di questa amministrazione che ha adottato un piano che è nulla, vale zero e che di fatto dà una bastonata alla giunta Orlando. Ci sono gravi violazioni dimostrate – aggiunge – sono stati falsificati i dati della riscossione, si diceva che sarebbe aumentata del 10%, poi dopo un anno del 15%, quindi addirittura del 20%, ma quest’anno siamo al -8% al primo trimestre, con oltre 20 milioni di euro di ulteriore ammanco. E’ imbarazzante leggere questa lettera del Ministero – ha aggiunto Forello – che in sostanza chiede come ha fatto il Comune di Palermo a presentare un piano di riequilibrio senza l’accordo con lo Stato. E’ un attacco inaccettabile all’interesse pubblico della città, siamo stati traditi da un’amministrazione ignobile che ha falsificato degli atti sulla pelle dei palermitani”.

Nel frattempo, l’addizionale Irpef è stata bocciata dal consiglio nei giorni scorsi, l’accordo con lo Stato non è stato ancora firmato e il tasso di riscossione previsto nel 2022 dal piano è addirittura 18 punti percentuali maggiore rispetto ai dati emersi dal primo trimestre dell’anno. “Gli autori del disastro stanno nella stessa compagine di Miceli – dice Ferrandelli – Quello non è un piano di riequilibrio ma un piano di fuga, mentre Palermo è sull’orlo del baratro. Ora abbiamo il bollo certificato dal ministero”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Outlander e i viaggi nel tempo

Anche questa volta lo spunto per scegliere l argomento del nuovo articolo me lo ha dato una serie che sto seguendo in questo periodo con interesse crescente  : "Outlander". Sei  stagioni tutte presenti su Sky,  una serie di cui avevo sentito parlare e che più volte mi era stata

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro