Palermo: bambina bruciata dalla cabina elettrica, il caso finisce a Le Iene | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

Nessun risarcimento danni

Palermo: bambina bruciata dalla cabina elettrica, il caso finisce a Le Iene | VIDEO

10 Aprile 2019

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il caso della bambina palermitana rimasta nel 2015 gravemente ustionata a causa dell’esplosione improvvisa di una cabina stradale elettrica, in via Conte Ruggero nel popoloso quartiere del Borgo Vecchio, è finito ieri sera a Le Iene.

Nel servizio andato in onda su Italia 1, la iena Nina Palmieri ha raccontato la terribile esperienza della piccola Vicky, dopo 4 anni ancora alle prese con interventi medici, ma ormai fuori pericolo di vita.

iene vicky bambina bruciata borgo vecchioPer quell’incidente (la piccola aveva ustioni sul 40% del corpo) la famiglia ha chiesto un risarcimento danni, ma nessuno finora avrebbe ammesso le proprie responsabilità. Per l’azienda elettrica infatti, la cassetta di derivazione sarebbe stata manomessa da ignoti; mentre secondo alcuni tecnici intervenuti poco dopo l’esplosione non ci sarebbe stata alcuna manomissione.

Oggi Vicky ha 10 anni e deve ancora affrontare cure costose e dolorose per la riabilitazione, ma non si vede ombra di un risarcimento, anche perché la procura ha archiviato le responsabilità dell’azienda elettrica.

Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Scuola, “prorogare il contratto degli insegnanti precari”

Giovanna D’Agostino è la presidente dell’Associazione “Insieme per il sostegno” di cui fanno parte centinaia di insegnanti precari. In questa intervista si fa portavoce del sentire degli insegnanti precari chiedendo al Governo Conte la proroga del contratto al 31 agosto per tutti i precari della scuola
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona