Palermo: bambina di 6 mesi rischia di morire, salvata dai vigili urbani :ilSicilia.it
Palermo

ieri in via Ammiraglio Persano

Palermo: bambina di 6 mesi rischia di morire, salvata dai vigili urbani

di
8 Agosto 2020

La polizia municipale di Palermo rende noto di aver soccorso ieri pomeriggio una bambina di sei mesi in pericolo di vita, in via Ammiraglio Persano, in zona via Montepellegrino.

Una pattuglia è stata fermata da alcuni cittadini perché la bambina era già cianotica. Gli agenti hanno così condotto la piccola insieme ad un soccorritore all’ospedale Cervello dove, entrata al pronto soccorso col codice rosso, è stata rianimata dal personale sanitario.

Il sindaco Leoluca Orlando e il vicesindaco, Fabio Giambrone hanno espresso il proprio apprezzamento e ringraziamento per gli agenti della polizia municipale che hanno soccorso la piccola di appena sei mesi in evidente pericolo di vita. “Questo intervento – hanno detto il sindaco e vice sindaco – dimostra ancora una volta  come la polizia municipale sia un Corpo vicino ai cittadini e pronto a rispondere in ogni momento a tutte le esigenze”.

Il comandante Vincenzo Messina ha sottolineato che “in ogni momento gli agenti della Polizia Municipale dimostrano il proprio attaccamento al lavoro ed alla città, sempre con grande professionalità ed umanità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.