Palermo. Banca Sant’Angelo, il 2017 è in perdita ma la solidità è costante :ilSicilia.it
Palermo

Il CdA ha approvato il progetto di bilancio

Palermo. Banca Sant’Angelo, il 2017 è in perdita ma la solidità è costante

di
5 Aprile 2018

Il Consiglio di Amministrazione, nella seduta di giovedì 29 marzo, ha approvato il progetto di bilancio 2017 della Banca Popolare Sant’Angelo, che verrà sottoposto all’approvazione dell’Assemblea dei soci convocata per il 30 aprile 2018, in prima convocazione, e per il 13 maggio 2018, in seconda convocazione. Un bilancio che, nonostante la perdita di esercizio di 9,5 milioni di euro, evidenzia la solidità economica e patrimoniale dell’Istituto.

Infatti la Banca Popolare Sant’Angelo può contare su 104 milioni di fondi patrimoniali. Dotazioni che consentono all’Istituto di avere coefficienti patrimoniali superiori ai requisiti prudenziali assegnati dall’Organo di Vigilanza, con il CET1 al 14,79% e il TCR al 16,14%.

Il risultato risente dell’aggravio degli oneri straordinari per l’avvio al Fondo Esuberi (per 1,2 milioni di euro), del contributo al Fondo nazionale di risoluzione destinato alle banche in crisi ed al Fondo interbancario tutela dei depositi (per 1,04 milioni di euro), della svalutazione dell’avviamento che incide in via straordinaria e non ripetitiva (per 7 milioni di euro), delle rettifiche di valore sui crediti, che complessivamente ammontano a 12,9 milioni di euro, e che rafforzano la copertura dei crediti deteriorati ad oltre il 42%.

Gli oneri che gravano sull’esercizio 2017 determinano i presupposti per una prospettiva stabile di crescita dell’Istituto. I proventi operativi sono pari a 39,6 milioni di euro, di questi 19,4 derivano dal margine di interesse, e 18,1 dalle commissioni e gli altri proventi netti che crescono di oltre il 6% rispetto allo scorso anno. I costi operativi, invece, ammontano a 32 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.