23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Palermo

la segnalazione del consigliere Sabrina Figuccia

Palermo, Borgo Nuovo: il Comune ristruttura un asilo ma lo tiene chiuso

21 Febbraio 2019

C’è un asilo nido a Borgo Nuovo chiuso da oltre un anno per ristrutturazione. Da alcuni mesi, tutto sembra essere pronto e ogni giorno i genitori speranzosi, attraversando via Acireale, la strada su cui insiste la struttura, vedono i cancelli chiusi.

Sabrina FigucciaA denunciare la cosa Sabrina Figuccia, consigliera comunale dell’Udc di Palermo, che afferma: “Una mamma mi racconta: “Passo ogni giorno da lì con i miei gemellini e quando vedono gli scivoli e i giochi vorrebbero che io mi fermassi per lasciarli a scuola a giocare con altri bimbi. Ma ad oggi, dopo tante promesse, ogni mese ci sentiamo rispondere che “Il Papavero” riaprirà il mese successivo””.

Le mamme si sentono prese in giro e vogliono giustamente risposte concrete“.

Per questo, la Figuccia ha presentato un’interrogazione con carattere d’urgenza per sapere perché la scuola non sia stata ancora consegnata alla collettività e quali saranno i tempi.

Si tratta di una struttura preziosa per l’intero quartiere dove già i servizi pubblici lasciano molto a desiderare ed è incredibile che i locali non vengano ancora consegnati. L’inerzia di questa amministrazione è davvero inaccettabile. Sarò al fianco dei genitori che giustamente stanno valutando azioni di protesta”.

LEGGI ANCHE:

Scoppia il caso del Centro diurno anziani di Borgo Nuovo a Palermo. Figuccia: “Vicenda grottesca”

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.