Palermo, Borgo Nuovo: il Comune ristruttura un asilo ma lo tiene chiuso :ilSicilia.it
Palermo

la segnalazione del consigliere Sabrina Figuccia

Palermo, Borgo Nuovo: il Comune ristruttura un asilo ma lo tiene chiuso

21 Febbraio 2019

C’è un asilo nido a Borgo Nuovo chiuso da oltre un anno per ristrutturazione. Da alcuni mesi, tutto sembra essere pronto e ogni giorno i genitori speranzosi, attraversando via Acireale, la strada su cui insiste la struttura, vedono i cancelli chiusi.

Sabrina FigucciaA denunciare la cosa Sabrina Figuccia, consigliera comunale dell’Udc di Palermo, che afferma: “Una mamma mi racconta: “Passo ogni giorno da lì con i miei gemellini e quando vedono gli scivoli e i giochi vorrebbero che io mi fermassi per lasciarli a scuola a giocare con altri bimbi. Ma ad oggi, dopo tante promesse, ogni mese ci sentiamo rispondere che “Il Papavero” riaprirà il mese successivo””.

Le mamme si sentono prese in giro e vogliono giustamente risposte concrete“.

Per questo, la Figuccia ha presentato un’interrogazione con carattere d’urgenza per sapere perché la scuola non sia stata ancora consegnata alla collettività e quali saranno i tempi.

Si tratta di una struttura preziosa per l’intero quartiere dove già i servizi pubblici lasciano molto a desiderare ed è incredibile che i locali non vengano ancora consegnati. L’inerzia di questa amministrazione è davvero inaccettabile. Sarò al fianco dei genitori che giustamente stanno valutando azioni di protesta”.

LEGGI ANCHE:

Scoppia il caso del Centro diurno anziani di Borgo Nuovo a Palermo. Figuccia: “Vicenda grottesca”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.