Palermo, Borgovecchio: al via le celebrazioni di Madre Sant'Anna | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

FESTA CULTO DAL 1555

Palermo, Borgovecchio: al via le celebrazioni di Madre Sant’Anna | FOTO

15 Luglio 2019

GUARDA FOTO IN ALTO

Domenica 21 luglio 2019 partiranno le celebrazioni in onore di Madre Sant’Anna, all’interno del quartiere Borgovecchio, a Palermo. Le celebrazioni prevederanno un’intera settimana liturgica dedicata alla matrona del quartiere, il cui culto risale al lontano 1555. A portare avanti la tradizione religiosa sono le famiglie e i fedeli di Borgovecchio, i quali mantengono vivo il fuoco del culto di Madre Sant’Anna.

Una festa caratteristica della città, il cui incipit vero e proprio si avrà nella giornata di mercoledì 24 luglio, con la tammuriata all’interno del quartiere e la c.d. scinnuta della Santa, tradizione tramandata di padre in figlio dalle famiglie  Scavone, Uccello e Cernigliaro, sostituita qualche anno fa dalla famiglia Romeo, tutte originarie di Borgovecchio. La tradizione prevede che la statua venga posta a terra dalle famiglie della confraternita per permetterne il culto della santa ai fedeli.

Chiesa Madre Sant'Anna
Santissima Maria di Monserrato

STORIA

La cappella di Madre Sant’anna viene eretta tra il 1547 e il 1548 sotto il nome di Chiesa di Maria Santissima di Monserrato. L’allora governante di Borgovecchio, Francesco Fornaia, era talmente devoto alla santa che fece costruire una cappella riportante il suo nome interamente a sue spese. La confraternita di Maria Santissima di Monseratto viene fondata invece nel 1555 dai c.d. burichitani, ovvero i membri delle corporazioni di marinai, pescatori, tramezzatori di vino e mercanti. La confraternita venerava il culto dei santi Andrea e Pietro, in quanto pescatori, nonché di Sant’anna.

Il culto di Sant’Anna a Borgovecchio cresce in seguito al ritrovamento del teschio di Sant’Anna, trafugato da Castelbuono nel 1605. Il teschio risiedeva nella città di Castelbuono dal lontano 1454, quando l’allora marchese Giovanni I Ventimiglia trasferì il teschio dal castello di Geraci Siculo. Nel 1605 il teschio fu trafugato da un monaco dissidente e se ne persero le tracce. Il monaco si trasferì a Palermo, nell’allora convento di Santa Lucia, sito all’interno del porto. Sul punto di morte, il monaco decise di rivelare la locazione del teschio, il quale fu ritrovato nel 1615. A seguito del ritrovamento del teschio, nel quartiere di Borgovecchio e nella città di Castelbuono nasce il culto di Sant’Anna.

La prima edizione della festa di Sant’Anna, in versione moderna, fu svolta nel 1903, grazie al prestito della vara da parte della confraternita della Chiesa di San Pietro. Nel 1943, durante i bombardamenti che colpirono la città di Palermo, la Chiesa di Maria Santissima di Monserrato fu distrutta. A seguito di ciò, la cappella di Sant’Anna fu ricostruita dopo la fine della guerra, sulle ceneri della vecchia chiesa. Nel 2013 l’allora sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha celebrato il riconoscimento ufficiale di Sant’Anna come matrona del Borgovecchio, donando alla confraternita una chiave d’argento che ancora oggi è sita fra le braccia della statua della santa.

CURIOSITA’

I portatori della statua sono tutti nativi di Borgovecchio e fedeli alla Santa, tanto che molti abitanti del quartiere, in segno di rispetto a Sant’Anna, hanno chiamato i propri figli Anna e Gioacchino, e molti altri si sono sposati il 26 luglio, giorno in cui si celebra l’onomastico della Santa protettrice  di Borgovecchio

PROGRAMMA

Manifesto Sant'Anna Ultimo Corretto21 Luglio 2019
Ore 10:30 – S. Rosario
Ore 11:00 – Apertura dei festeggiamenti con la Solenne Celebrazione Eucaristica.

22 Luglio 2019
Ore 18:00 – Recita del S. Rosario
Ore 18:30 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Michele Giuffrida

23 Luglio 2019
Ore 18:00 – Recita del S. Rosario
Ore 18:30 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre  Salvatore Petralia

24 Luglio 2019
Ore 16:30 – Giro dei tamburinai per le vie del quartiere
Ore 17:30 – Accensione Illuminazione fra le vie di Borgovecchio
Ore 18:00 – S. Rosario
Ore 18:30 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Mario Golesano
Ore 21:00 – Tradizionale “scinnuta” della Santa.

25 Luglio 2019
Ore 17:30 – Accensione Illuminazione fra le vie di Borgovecchio
Ore 18:00 – S. Rosario
Ore 18:30 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Salvatore Orofino

26 Luglio 2019
Solennità dei Santi Gioacchino ed Anna
Ore 00:01 – Suono di Campane a Festa
Ore 08:00 – Suono di Campane a Festa
Ore 17:00 – Accensione Illuminazione fra le vie di Borgovecchio
Ore 17:30 – Adorazione Eucaristica
Ore 18:30 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Jamena Marcello Owino

27 Luglio 2019
Ore 08:00 – Suono di Campane a Festa
Ore 16:00 – Processione di Sant’Anna dei novizi fra le vie del quartiere
Ore 17:00 – Accensione Illuminazione fra le vie di Borgovecchio
Ore 18:30 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Giuseppe Garofalo

28 Luglio 2019
Ore 08:00 – Suono di Campane a Festa
Ore 09:00 – Giro bandistico con Omaggio Floreale a Sant’Anna da parte delle Confraternite di Sant’Anna, SS. Crocifisso e San Giuseppe
Ore 11:00 – Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Jamena Marcello Owino
Ore 16:30 – Solenne Processione del Simulacro di Sant’Anna
Ore 22:30 – Giochi Pirotecnici

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.