Palermo, bus scortati dai vigili urbani contro i vandali :ilSicilia.it
Palermo

auto civetta

Palermo, bus scortati dai vigili urbani contro i vandali

di
9 Gennaio 2019

Per contrastare i vandali e i teppisti dopo gli episodi di violenza che hanno coinvolto alcuni autisti dei bus Amat a Palermo, arrivano le auto civetta dei vigili urbani, come “scorta”.

Bus Amat
[Foto © D. G.]
“Ha dato esito positivo il servizio predisposto dal comandante della polizia municipale di Palermo, Gabriele Marchese, per la prevenzione e repressione degli atti vandalici nei confronti dei mezzi pubblici”, afferma una nota del Comune.

“Finora nessuna anomalia è stata riscontrata dagli agenti che, a bordo di auto civette o di mezzi con i colori istituzionali, seguono ‘con discrezione’ gli itinerari dei bus delle linee 212, 224, 226 e 231 che transitano tra i capolinea di via Pomara, viale dei Picciotti e Croceverde-Giardini“.

“Il pattugliamento costante degli assi delle vie Pomara, Galletti e Ciaculli – sottolinea in un comunicato il comando della polizia municipale – oltre a garantire il controllo del territorio, serve a dare sicurezza ai conducenti e ai passeggeri dei bus per prevenire episodi verificatisi in passato, quando alcuni bus in transito sono stati oggetto di lanci di pietre”.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo: autista Amat picchiato, è in codice rosso. Orlando: “Barbari violenti”

Palermo: sasso contro il tram allo Sperone, vetro rotto e un ferito | Foto

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.