Palermo, cadde a causa di un marciapiedi: Comune e Rap condannati a risarcire oltre 90 mila euro :ilSicilia.it
Palermo

Danni ad un'anziana di 73 anni

Palermo, cadde a causa di un marciapiedi: Comune e Rap condannati a risarcire oltre 90 mila euro

14 Febbraio 2020

Un marciapiedi dissestato, una buca, la pavimentazione danneggiata. E una caduta che lascia il segno, con una inabilità temporanea assoluta di 90 giorni, una serie di conseguenze fisiche che si sono trascinate per altri 7 mesi e un danno biologico permanente pari al 24% dell’integrità psico-fisica totale.

Un incidente che difficilmente potrà dimenticare A.C., palermitana di 73 anni (67 all’epoca dei fatti) e che ora costerà caro al Comune di Palermo e alla Rap, condannati a pagare oltre 90 mila euro tra risarcimento del danno e spese legali. La vicenda risale al 14 aprile del 2015 quando la pensionata, dopo essere scesa dall’auto del marito in via Ruggero Loria, a Palermo, è inciampata a causa di un marciapiede dissestato e non segnalato. Una caduta rovinosa che le provocò diverse conseguenze, tra cui un trauma della colonna con frattura della dodicesima vertebra, una contusione alla spalla destra e altri traumi al ginocchio e alla caviglia sinistra.

La situazione di dissesto – spiega l’avvocato Alessandro Palmigiano, che ha assistito la donna insieme al collega Mattia Vitale – non solo era evidente, ma come è emerso dalle testimonianze raccolte e dalla relazione della polizia municipale, il pericolo non era segnalato“.

console lituania
L’Avv. Palmigiano

Tuttavia, considerata l’ora in cui è avvenuto l’incidente (erano le 13), le condizioni di visibilità ottimali e il fatto che la malcapitata camminava a piedi, lentamente, e quindi avrebbe avuto il tempo di accorgersi del pericolo, il giudice della Terza sezione civile del Tribunale di Palermo, Monica Montante, ha riconosciuto alla donna un concorso di responsabilità del 20 per cento e ha condannato il Comune di Palermo e la Rap a risarcire con oltre 83 mila euro la donna, oltre a farsi carico di oltre 10 mila euro delle spese processuali e di consulenza tecnica.

C’è un altro aspetto interessante nella sentenza che riguarda i soggetti chiamati a risarcire. Il giudice ha infatti accolto la domanda di manleva formulata dal Comune nei confronti della Rap (che peraltro non si è costituita in giudizio nonostante sia stata chiamata in garanzia), in forza dell’art. 11 del contratto di servizio del 6 agosto 2014, che attribuisce alla società ogni responsabilità in ordine ai danni direttamente conseguenti all’omessa o incompleta manutenzione della rete stradale comunale. In questo modo, il Comune dovrà pagare il risarcimento ma potrà “rivalersi” sulla Rap.

Questa sentenza – commenta l’avvocato Palmigiano – ribadisce una serie di principi fondamentali, come il diritto inviolabile della salute, ma anche il concetto di responsabilità. Infatti, come espressamente chiarito dalla Cassazione, l’eventuale affidamento a soggetti terzi dei compiti di manutenzione delle strade non può sottrarre al Comune proprietario la sorveglianza ed il controllo sulle strade medesime, e quindi esonerarlo dalla responsabilità da custodia”.

Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Come se fosse Antani

Da oggi un nuovo blog s unisce a quelli già esistenti. Si intitola "Come se fosse Antani", con un riferimento più che esplicito al celebre film. "Amici miei". E' il blog di Giovanna Di Marco