Palermo calcio, arriva il Marina di Ragusa. Calogero (DG): "Lotteremo fino alla fine" | Intervista :ilSicilia.it
Palermo

IN VISTA DELLA PROSSIMA SFIDA DI CAMPIONATO

Palermo calcio, arriva il Marina di Ragusa. Calogero (DG): “Lotteremo fino alla fine” | Intervista

17 Settembre 2019

Il Palermo calcio, primo e a punteggio pieno in classifica, attende in casa il Marina di Ragusa, realtà calcistica della frazione marittima del capoluogo ibleo, che conta circa duemila abitanti.

La società sportiva viene dalla promozione conseguita lo scorso anno in Eccellenza e dall’ottimo inizio di campionato di questa stagione. La formazione allenata da Salvatore Utro conta quattro punti in classifica, fra cui il prestigioso pareggio contro il Savoia di domenica e la vittoria sul Nola alla prima giornata.

Abbiamo sentito Nunzio Calogero, direttore generale del Marina di Ragusa, che ci ha rilasciato alcune interessanti dichiarazioni sulla sua visione del campionato di Serie D e sulla prossima sfida contro il Palermo

Nunzio Calogero
Nunzio Calogero – Direttore Generale Marina di Ragusa

Se dovesse descrivere il Marina di Ragusa come società e come gruppo, come lo descriverebbe? 

Siamo una società umile, seria, entusiasta di giocare al Renzo Barbera e in generale in Serie D con società con storie importanti. Il nostro motto sarà “rispetto per tutti, paura di nessuno”. Combatteremo con le nostre armi. Il mister (Salvatore Utro n.d.r.) ha sempre giocato con la difesa a quattro, questa è stata sempre la certezza del suo modulo. Negli anni ha proposto vari moduli, anche in base alle esigenze del momento.

Direttore, venite da quattro punti in campionato, tra cui il pareggio contro il Savoia. Gli addetti ai lavori parlano molto bene di voi. Dicono di voi che potete essere la sorpresa del girone. Cosa risponde a queste impressioni e quali sono i vostri obiettivi?

L’obiettivo è la salvezza. Noi siamo la squadra più giovane del campionato, i nostri over sono classe 96 e 97. Quando dicono che noi possiamo essere la sorpresa del girone è proprio perché siamo una società che investe sui ragazzi. Non si sa mai cosa ti puoi aspettare. Sul Savoia, questa è una società che è costruita per vincere il campionato, come Palermo ed Acireale. Noi prendiamo il punto di domenica e lo teniamo stretto. Il Marina è andato sotto due volte ma ha recuperato e ha rischiato anche di vincere.

Con quale spirito affronterete la sfida contro il Palermo?

Lo spirito è quello di sapere che sfidiamo la squadra più forte del campionato, di fronte a diciassettemila o diciottomila spettatori. Dobbiamo andare lì senza farci intimorire, anzi dobbiamo galvanizzarci in un palcoscenico del genere. Dobbiamo correre un metro in più di loro per supplire al divario tecnico. Quando la partita inizia, la tensione sparisce. C’è la giocheremo fino all’ultimo minuto. Abbiamo già dimostrato di essere una formazione di categoria.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.