Palermo calcio: assolto l'ex presidente Giammarva, ecco le motivazioni della sentenza :ilSicilia.it
Palermo

Cassazione, nessuna corruzione giudice

Palermo calcio: assolto l’ex presidente Giammarva, ecco le motivazioni della sentenza

6 Settembre 2019

Nessun patto illecito fra il giudice Giuseppe Sidoti e l’ex presidente del Palermo calcio Giovanni Giammarva.

Lo ha stabilito la sesta sezione della corte di Cassazione nelle motivazioni del provvedimento con cui il 3 aprile scorso ha annullato l’ordinanza del gip di Caltanissetta che aveva portato alla sospensione del magistrato della sezione fallimentare del tribunale di Palermo, per un anno.

Non ci fu corruzione“, ribadiscono gli ermellini. L’accusa in parte, come riportano alcuni quotidiani locali, però, era stata già ridimensionata dal tribunale del riesame, che aveva ridotto la sospensione a sei mesi, sostenendo che non ci fosse stato alcun atto contrario ai doveri d’ ufficio.

Ora, il collegio presieduto da Anna Petruzzellis va anche oltre, scrivendo che non ci sono neanche gli indizi per la forma meno grave della corruzione (quella per l’esercizio della funzione), che pure il tribunale del riesame aveva ravvisato. In quindici pagine di motivazione, la Corte passa in rassegna l’ intero caso, oltreché il ricorso della procura di Caltanissetta, che insiste nell’atto d’accusa.

I giudici accolgono la ricostruzione della difesa, sostenuta dagli avvocati Monica Genovese e Matias Manco, affermando che “il rapporto fra Giammarva e Sidoti non nasce all’ indomani della procedura prefallimentare, bensì è decisamente risalente nel tempo”.

Per i giudici, una ragione in più per negare che ci fosse un accordo corruttivo. La storia è quella del Palermo calcio di Maurizio Zamparini e risale a circa due anni fa: la Procura di Palermo aveva presentato istanza di fallimento, che venne respinta. Dietro il no del collegio civile, secondo la magistratura nissena, ci sarebbe stata una sorta di combine. E poi in ogni caso Sidoti era uno e la decisione di non far fallire il Palermo fu del collegio di cui faceva parte.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.