Palermo calcio, buio a Natale: i rosanero chiudono l'anno con nervosismo e malumore :ilSicilia.it
Palermo

ANALISI

Palermo calcio, buio a Natale: i rosanero chiudono l’anno con nervosismo e malumore

di
25 Dicembre 2021

Il Palermo ha chiuso con una sconfitta il suo anno solare. La formazione di Giacomo Filippi, perdendo di misura contro il Latina, ha ottenuto la sua terza sconfitta in cinque partite.

Un Palermo senza identità, in confusione e soprattutto nervoso. I due rossi rimediati in 34’ nel match contro il Latina riassumono la prima parte di campionato della squadra rosanero.

Una prima parte di campionato come montagne russe, di alti e bassi, di gioco assente, confusione, nervosismo, ma che ha portato il Palermo prima in seconda posizione, e che poi lo ha visto cadere in campi modesti come Picerno e Latina sul finale e nel derby in trasferta contro il Catania.

Un Palermo sterile, che tira poco in porta e che non riesce quasi mai a concretizzare quelle poche occasioni da gol che costruisce. Fatta eccezione per qualche elemento (Brunori su tutti), la squadra rosanero, anche nelle vittorie, non ha quasi mai convinto, facendo possesso e gioco difensivo anche quando conduceva uno a zero e bisognava necessariamente puntare al raddoppio per evitare le incursioni avversarie.

Nonostante le posizioni e i numeri fossero dalla parte della squadra e di Filippi, l’entusiasmo dell’ambiente non è mai stato acceso. Il non-gioco del Palermo, le scelte di formazione, i cambi e alcune dichiarazioni della stessa società hanno portato i tifosi a non sposare del tutto la causa rosanero.

La dichiarazioni fuorvianti sulla cessione societaria da parte del presidente Mirri hanno alimentato ancor di più il malcontento dell’ambiente che chiede a gran voce la cessione di una società che lo stesso Mirri ha ammesso di non poter sostenere in categorie maggiori.

Una cessione che, stando alle ultime note della società, non dovrebbe avere più intoppi alla luce della decisione del tribunale di Catania sul caso Tony Di Piazza. All’ex vice-presidente del Palermo, e dunque alla sua società Italplaza, è stata infatti respinta la richiesta del sequestro preventivo dei beni di Hera Hora, la società che controlla il Palermo FC.

Al Palermo è richiesto un cambio radicale, i tifosi “chiedono la testa” di alcuni giocatori che, come sottolineato dagli stessi supporter rosanero presenti in trasferta a Latina, non stanno sposando la causa rosanero.

Al Palermo è richiesta una reazione, perché dopo il campionato fallimentare dello scorso anno non è concesso un ulteriore passo falso.

Al Palermo è richiesta chiarezza, sul futuro societario e di alcuni giocatori in scadenza che sembrano ormai con la testa lontani dal capoluogo siciliano.

Al Palermo è richiesto rispetto da parte dei tifosi che, dal canto loro, hanno fatto la loro parte: dopo la pesante e meritata sconfitta di Catania hanno voluto sostenere la squadra contro il Bari facendo registrare il record di presenze al “Renzo Barbera” con 10.249 presenti.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin