Palermo Calcio, clamoroso: Ferrero non parteciperà al bando :ilSicilia.it
Palermo

L'IMPRENDITORE ROMANO SI DEFILA

Palermo Calcio, clamoroso: Ferrero non parteciperà al bando

13 Luglio 2019

Massimo Ferrero ha deciso che non parteciperà al prossimo bando per l’acquisizione del Palermo Calcio. E’ questa la clamorosa notizia data dallo stesso presidente della Sampdoria ad Ansa: “Prima che lo dicano gli altri, lo comunico io per evitare speculazione o fraintendimenti: non parteciperò al bando per il nuovo Palermo Calcio“.

La decisione appare clamorosa, alla luce di quanto dichiarato da Ferrero non più lontano di qualche giorno fa. L’imprenditore romano era infatti venuto a Palermo per presentare il suo progetto sportivo, in particolare con l’introduzione del calcio femminile nel capoluogo siciliano.

Mi è parso – spiega Ferrero – che le condizioni proposte abbiano a che vedere più con un aspetto politico territoriale che non prettamente calcistico. Il sindaco Orlando sta svolgendo al meglio il suo ruolo di primo cittadino in questa direzione. Il mio interesse per il Palermo Calcio non è di questo tipo: è passionale, manageriale, strutturale. Il mio obiettivo sarebbe stato quello di dare a questa squadra un ampio respiro sportivo nazionale, come racconta la sua stessa storia, oltre che locale. 

Mercoledì – prosegue il presidente della Samp – sono stato in città non per fare un carosello, come ha voluto far credere qualcuno, ma perché ho avuto la fortuna di conoscere Pamela Conti e mi sono sentito onorato di vivere al suo fianco un ritorno tra la sua gente. Sarebbe bellissimo diffondere nel mondo l’immagine del calcio palermitano al femminile. Pamela è vero patrimonio sportivo. Mi auguro che chi prenderà in mano il nuovo Palermo possa dare quest’opportunità a Pamela e ai palermitani. Se lo meritano. Da parte mia, il più grande e sincero in bocca al lupo sportivo a tutti”.

A questo punto prende quota il nome di Dario Mirri come futuro proprietario del Palermo Calcio. Il bando scadrà il 23 luglio, ma le sorprese sono dietro l’angolo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.