Palermo calcio, De Filippis (#DiventeràBellissima): "Il presidente Albanese si assuma le proprie responsabilità" :ilSicilia.it
Palermo

il commento del coordinatore cittadino

Palermo calcio, De Filippis (#DiventeràBellissima): “Il presidente Albanese si assuma le proprie responsabilità”

di
25 Giugno 2019

Le spiegazioni fornite in conferenza stampa dai proprietari del Palermo Calcio non bastano certo a rassicurare i tifosi, i quali meritano certezze e non certo dubbi su dubbi. Su questa surreale vicenda che rischia di compromettere l’iscrizione in serie B ci attendiamo, da palermitani, un immediato intervento chiarificatore da parte di Alessandro Albanese, palermitano pure lui“, a dirlo Eduardo De Filippis, coordinatore cittadino di #DiventeràBellissima, aggiungendo: “Il suo silenzio di queste ore, infatti, insieme stupisce e allarma. Dovrebbe essere proprio lui a metterci la faccia in prima persona, assumendosi tutte le responsabilità che gli competono in quanto presidente e garante di tutta l’operazione che ha portato al timone del Palermo Calcio la nuova proprietà“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin