Palermo calcio: il ritorno di Toni al Barbera, Miccoli e la questione morale :ilSicilia.it
Palermo

COME VERRANNO ACCOLTI DAI TIFOSI?

Palermo calcio: il ritorno di Toni al Barbera, Miccoli e la questione morale

21 Agosto 2019

Doveva essere una semplice occasione di giubilo, ma l’amichevole fra il Palermo calcio e le sue vecchie glorie si sta trasformando in un volano di polemiche sui social network.

Luca Toni e Fabrizio Miccoli, due ex colonne portanti dell’U.S. Città di Palermo, hanno deciso di aderire all’appello del presidente della SSD Palermo Dario Mirri a partecipare alla partita celebrativa in cui i giocatori del passato si scontreranno contro la nuova formazione rosanero di Rosario Pergolizzi. Tuttavia, la tifoseria palermitana si è spaccata in questi giorni sull’accoglienza da dare alle due ex bandiere rosanero.

Per quanto riguarda Luca Toni, l’ex campione del mondo torna a Palermo dopo una difficile rottura con l’ex società di viale del Fante, che ha portato la prima punta a scegliere il trasferimento alla Fiorentina per otto milioni di euro, un pò pochini per un giocatore che realizzò qualcosa come cinquanta gol in due anni, fra Serie A e Serie B, conquistando anche quella nazionale che lo portò sul tetto del mondo calcistico.

Quella cessione destò più di qualche dubbio, lasciando tanta amarezza nei cuori dei tifosi, tanto che ogni qual volta Toni è tornato a giocare al Renzo Barbera è stato sempre subissato di fischi, ad esempio nella sua ultima apparizione con la maglia dell’Hellas Verona.

La domanda ovviamente è: come accoglierà la tifoseria rosanero il ritorno del suo figlio al prodigo? Dopo le ultime vicissitudini societarie, sembra che il rapporto fra Toni e i tifosi possa quantomeno raddrizzarsi, vista anche la presenza dell’ex attaccante della nazionale all’evento delle vecchie glorie.

Discorso diverso va fatto per Fabrizio Miccoli, ex capitano rosanero nonché l’uomo che ha realizzato il maggior numero di gol della storia con la maglia del Palermo calcio. Da un punto di vista calcistico, Miccoli ha lasciato un ricordo meraviglioso, diventando una vera bandiera della piazza palermitana.

Tuttavia, parte della tifoseria proprio non gli perdona quelle parole sanguinose dette nel lontano 2013 nei confronti di Giovanni Falcone e, soprattutto, quelle sue frequentazioni con il figlio del boss della Kalsa, Antonino Lauricella.

Miccoli ha più volte ribadito negli anni di sentirsi pentito per quanto da lui detto in quella telefonata. Pur tuttavia, la parte più “garantista” della tifoseria palermitana proprio non riesce ad accettarlo, tanto da contestarlo apertamente sui social. Il pubblico rosanero più caldo, quello di curva, è rimasto invece vicino al suo capitano ed ha deciso di salutarlo con il massimo dell’affetto.

Siamo davvero ai limiti della questione morale, nella quale si dovrebbe riflettere su dove debba essere tracciato il confine fra la professionalità del giocatore in campo e la purezza sociale dell’uomo o se esiste davvero una scissione fra l’atleta e l’essere umano. Tante domande a cui i tifosi danno risposte diametralmente opposte.

In ogni caso, la partita con le vecchie glorie deve essere soltanto un occasione di festa in cui il Palermo calcio celebra la sua rinascita. Vedremo come reagirà il pubblico dello stadio Renzo Barbera di fronte al ritorno dei propri figli al prodigo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona