Palermo calcio, la rabbia negli striscioni affissi in città dalla CNI | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA REAZIONE DEL MONDO ULTRAS

Palermo calcio, la rabbia negli striscioni affissi in città dalla CNI | FOTO

di
16 Maggio 2019
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".

GUARDA FOTO IN ALTO

Non si è fatta attendere la risposta degli ultras rosanero della CNI (Curva Nord Inferiore) rispetto al respingimento del ricorso da parte della Corte Federale d’Appello. The show must go on! Questo ha sentenziato il secondo grado di giudizio della giustizia sportiva, ma i tifosi non ci stanno. Nella serata di oggi, a decisione già presa da parte della Corte d’Appello, gli ultras della CNI hanno appeso diversi striscioni di protesta in città.

Il linguaggio è sicuramente duro, figlio della rabbia di queste ore. Gli striscioni sono stati appesi in diversi punti strategici della città: dalla Cala a Piazza della Pace fino ad arrivare alle balaustre dello stadio Renzo Barbera. Gli indirizzatari degli insulti sono vari. Il più bersagliato è sicuramente il presidente della Lazio, Claudio Lotito, detentore inoltre delle quote societarie della Salernitana, società alla cui presidenza risiede Marco Mezzaroma, consigliere della Lega di B, lo stesso organo che ha deciso di dare esecutività alla sentenza di primo grado del Tribunale Federale, avviando così tutto l’iter dei play-off.

Non sono mancati improperi anche per l’ex presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, epitato come “boia” in uno degli striscioni appesi in città. Non è stata risparmiata nemmeno la Lega Serie B, considerata quindi fra i principali responsabili della situazione in cui si trovano costretti i rosanero in quanto ha dato il via libera all’avvio dei play-off, nonostante il Palermo calcio non sia stato condannato in via definitiva.

Vari gli improperi usati negli striscioni, da “verme” a “infame” fino ad arrivare anche i “bastardi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.