Palermo calcio, la rabbia negli striscioni affissi in città dalla CNI | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA REAZIONE DEL MONDO ULTRAS

Palermo calcio, la rabbia negli striscioni affissi in città dalla CNI | FOTO

di
16 Maggio 2019
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".

GUARDA FOTO IN ALTO

Non si è fatta attendere la risposta degli ultras rosanero della CNI (Curva Nord Inferiore) rispetto al respingimento del ricorso da parte della Corte Federale d’Appello. The show must go on! Questo ha sentenziato il secondo grado di giudizio della giustizia sportiva, ma i tifosi non ci stanno. Nella serata di oggi, a decisione già presa da parte della Corte d’Appello, gli ultras della CNI hanno appeso diversi striscioni di protesta in città.

Il linguaggio è sicuramente duro, figlio della rabbia di queste ore. Gli striscioni sono stati appesi in diversi punti strategici della città: dalla Cala a Piazza della Pace fino ad arrivare alle balaustre dello stadio Renzo Barbera. Gli indirizzatari degli insulti sono vari. Il più bersagliato è sicuramente il presidente della Lazio, Claudio Lotito, detentore inoltre delle quote societarie della Salernitana, società alla cui presidenza risiede Marco Mezzaroma, consigliere della Lega di B, lo stesso organo che ha deciso di dare esecutività alla sentenza di primo grado del Tribunale Federale, avviando così tutto l’iter dei play-off.

Non sono mancati improperi anche per l’ex presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, epitato come “boia” in uno degli striscioni appesi in città. Non è stata risparmiata nemmeno la Lega Serie B, considerata quindi fra i principali responsabili della situazione in cui si trovano costretti i rosanero in quanto ha dato il via libera all’avvio dei play-off, nonostante il Palermo calcio non sia stato condannato in via definitiva.

Vari gli improperi usati negli striscioni, da “verme” a “infame” fino ad arrivare anche i “bastardi”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Il senso del rossetto

Mi ostino a truccare le mie labbra con il rossetto, anche se in pochi lo vedranno. Si tratta di un atto di ribellione al clima che viviamo e a quella me stessa che, durante il lockdown, indossava sempre gli stessi vestiti ed era arrivata al fondo della sua sciatteria? Ebbene, eravamo solo agli inizi
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.