Palermo calcio, la rabbia negli striscioni affissi in città dalla CNI | FOTO :ilSicilia.it
Palermo

LA REAZIONE DEL MONDO ULTRAS

Palermo calcio, la rabbia negli striscioni affissi in città dalla CNI | FOTO

16 Maggio 2019
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".
Foto Fb "Palermo, la mia città, la mia fede".

GUARDA FOTO IN ALTO

Non si è fatta attendere la risposta degli ultras rosanero della CNI (Curva Nord Inferiore) rispetto al respingimento del ricorso da parte della Corte Federale d’Appello. The show must go on! Questo ha sentenziato il secondo grado di giudizio della giustizia sportiva, ma i tifosi non ci stanno. Nella serata di oggi, a decisione già presa da parte della Corte d’Appello, gli ultras della CNI hanno appeso diversi striscioni di protesta in città.

Il linguaggio è sicuramente duro, figlio della rabbia di queste ore. Gli striscioni sono stati appesi in diversi punti strategici della città: dalla Cala a Piazza della Pace fino ad arrivare alle balaustre dello stadio Renzo Barbera. Gli indirizzatari degli insulti sono vari. Il più bersagliato è sicuramente il presidente della Lazio, Claudio Lotito, detentore inoltre delle quote societarie della Salernitana, società alla cui presidenza risiede Marco Mezzaroma, consigliere della Lega di B, lo stesso organo che ha deciso di dare esecutività alla sentenza di primo grado del Tribunale Federale, avviando così tutto l’iter dei play-off.

Non sono mancati improperi anche per l’ex presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, epitato come “boia” in uno degli striscioni appesi in città. Non è stata risparmiata nemmeno la Lega Serie B, considerata quindi fra i principali responsabili della situazione in cui si trovano costretti i rosanero in quanto ha dato il via libera all’avvio dei play-off, nonostante il Palermo calcio non sia stato condannato in via definitiva.

Vari gli improperi usati negli striscioni, da “verme” a “infame” fino ad arrivare anche i “bastardi”.

 

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.