Palermo calcio, Mirri: "Debiti per 47 milioni di euro" :ilSicilia.it

Mancano ancora i certificati dell'Agenzia delle entrate e il Durc

Palermo calcio, Mirri: “Debiti per 47 milioni di euro”

28 Febbraio 2019

Pur con grande fatica abbiamo ricevuto quasi tutta la documentazione contabile del Palermo. Mancano ancora i certificati dell’Agenzia delle entrate e il Durc, ma speriamo arrivino presto, perché certificano la regolarità fiscale della società. Sono però in grado di dire che i debiti del Palermo ammontano a circa 47 milioni“, ad affermarlo Dario Mirri.

L’imprenditore palermitano acquistando la gestione degli spazi pubblicitari sulla cartellonistica per i prossimi quattro anni, pagando in anticipo 2,8 milioni, ha immesso i capitali necessari nel Palermo per pagare gli stipendi di novembre e dicembre, scongiurando il rischio della penalizzazione per il club rosanero.

Mirri aveva annunciato che era in attesa della documentazione contabile del Palermo che gli è stata consegnata lunedì sera.

 

LEGGI ANCHE:

Calcio, Mirri: “Il Palermo è dei palermitani” | VIDEO

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona