Palermo Calcio: Mirri incontra Orlando, parte il toto DS :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

IL FUTURO ROSANERO INIZIA A PRENDERE FORMA

Palermo Calcio: Mirri incontra Orlando, parte il toto DS

di
25 Luglio 2019

Il calcio a Palermo può finalmente ripartire. Si è chiusa ieri la vicenda legata alla creazione del nuovo club calcistico rosanero, con la vittoria del gruppo Hera Hora e il contemporaneo inizio dell’era di Dario Mirri e Tony Di Piazza.

Oggi, a Palazzo delle Aquile, il sindaco Leoluca Orlando ha incontrato i rappresentanti della società, ovvero Dario e Daniele Mirri, accompagnati  a loro volta da Rinaldo Sagramola.

Presenti anche Leonardo Guarnotta, presidente del tavolo tecnico di valutazione che ha coadiuvato il primo cittadino, il Consulente allo Sport del Comune di Palermo, Carlo Vizzini e l’avvocato Leonardo Di Franco, responsabile della promozione della Città in Staff al Sindaco. Ieri, Orlando, ha anche inviato alla Federazione Italiana Giuoco Calcio e alla Lega Nazionale Dilettanti la comunicazione della scelta della nuova società per il calcio.

Nuovo logo Palermo calcioPer fare nomi è ancora presto, ma già si susseguono voci relative a chi potrebbe ricoprire la carica di Direttore sportivo per la prossima stagione. Il nome al momento più in auge è quello di Leandro Rinaudo, ex paladino della difesa rosanero, ma potrebbe tornare di moda anche il nome di Giorgio Perinetti, grande conoscitore di calcio e, soprattutto, uomo esperto di mercato. Ovviamente chiunque ricoprirà il ruolo di DS non dovrà limitarsi a ritoccare una rosa già esistente, ma ne dovrà fondare una dalle fondamenta, tenendo anche conto dei paletti fissati dalla Lega Nazionale Dilettanti, in particolare la questione legata agli under.

Ai rappresentanti della Hera Horaha commentato Orlandoho espresso il mio ringraziamento per l’impegno profuso per la rinascita dei colori rosanero perché adesso il Palermo, insieme alla sua straordinaria e civile tifoseria, merita di vivere un esaltante cammino che possa ricollocarlo come merita ai vertici del calcio nazionale. Nel consegnare copia della nota già inviata agli organi sportivi, ho ribadito che l’Amministrazione farà tutto quanto di suo compito e nelle sue possibilità per sostenere questo percorso. Ho anche ribadito il mio ringraziamento al tifoso presidente Guarnotta e a tutti coloro che hanno collaborato al tavolo tecnico, con passione e continuità, aiutandomi nella scelta, per il bene del calcio palermitano”.

Il 29 luglio bisognerà consegnare tutta la documentazione necessaria a completare l’iscrizione in sovrannumero al prossimo campionato di Serie D, corredata da una fideiussione di circa un milione di euro necessaria a completare l’iter burocratico. Dopo di che si potrà iniziare a pensare ufficialmente al futuro. A quel punto sarà possibile conoscere il girone in cui giocheranno i rosanero nella prossima stagione.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin