Palermo calcio, si presenta Pergolizzi: "Felice di tornare nella mia città" :ilSicilia.it
Palermo

LE DICHIARAZIONI DEL NEO TECNICO ROSANERO

Palermo calcio, si presenta Pergolizzi: “Felice di tornare nella mia città”

5 Agosto 2019

Si è svolta nel pomeriggio la presentazione del nuovo tecnico della SSD Palermo, Rosario Pergolizzi. E’ normale che ci siano grandi aspettative, sono orgoglioso del fatto che la scelta sia ricaduta su di me. – ha dichiarato il tecnico rosanero –  Tornare nella mia città dove sono cresciuto, dove ho giocato e dove ho allenato è una sensazione bellissima“.

Il tecnico ha l’arduo compito di vincere il campionato di Serie D, ma la missione non lo spaventa: “Tornare a Palermo e guidare la squadra della mia cittàdice Pergolizziè una delle cose più belle. Penso che ogni palermitano che fa parte del mondo del calcio abbia questo sogno. Sono andato via dal Palermo dopo il fallimento negli anni Ottanta, torno adesso dopo un fallimento. So che non è facile lavorare in una piazza come quella di Palermo dove tutti vogliono andare e in cui bisogna vincere. Ma sento che il fatto di essere palermitano potrà solamente farmi capire di più l’importanza di questa maglia“.

All’interno della conferenza stampa, ha fatto la sua entrata in scena anche Renzo Castagnini, nuovo direttore sportivo della SSD Palermo: “Per me è una sfida affascinante – ha dichiarato il neo dirigente rosanero – e lo dimostra il calore della gente che ci accoglie ogni volta che ci muoviamo. Lotteremo per riportare in alto il Palermo. L’indirizzo del tipo di squadra che costruiremo – dice Castagnini – ce lo impone il regolamento. Faremo un gruppo competitivo che unirà l’esperienza dei giocatori più grandi alla voglia di fare dei giovani che dobbiamo tenere in campo secondo le norme sugli under. Nomi? Per il momento stiamo contattando tantissimi giocatori perché ovviamente dobbiamo ricostruire tutto da zero e abbiamo poco tempo per farlo“.

 

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona