Palermo Calcio, Zamparini choc: chiesti 50 milioni di risarcimento danni :ilSicilia.it
Palermo

L'EX PATRON ROSANERO LA SPARA GROSSA

Palermo Calcio, Zamparini choc: chiesti 50 milioni di risarcimento danni

di
15 Settembre 2020

Cinquanta milioni di euro, trenta a titolo di risarcimento danni per il fatto in sé e venti per quello d’immagine.

È la somma che l’ex patron del vecchio Palermo calcio Maurizio Zamparini ha chiesto agli inglesi di Sport Capital Group Investments Ltd e ai mediatori Corrado Coen, Emanuele Facile e Maurizio Belli nell’ambito della trattativa che ha portato lo stesso Zamparini a vendere il club proprio al fondo inglese Sport Capital Group Investments Ltd. Zamparini, con la finanziaria di famiglia Gasda, contesta un danno per “frode contrattuale e dolo determinante”.

LA VICENDA

A rappresentare Zamparini è l’avvocato Carlo Canal. L’atto di citazione è stato depositato al tribunale di Busto Arsizio.

Nelle numerose pagine in cui si ricostruiscono i momenti della trattativa che ha portato l’ex patron rosanero a cedere il club al fondo inglese, che poi ricedette le quote all’ex direttore sportivo di Zamparini Rino Foschi, prima che subentrassero i Tuttolomondo ultimi proprietari del Palermo prima del fallimento, si raccontano i contatti fra Zamparini, Coen e i rappresentanti inglesi; la realizzazione del progetto di vendita; la costituzione del fondo internazionale e la scoperta, secondo l’accusa, della frode per il fondo stesso non registrato; la cessione del club e tutto quello che è accaduto dopo la cessione del Palermo da parte di Zamparini.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.