Palermo, cambia la mobilità in centro: pedonalizzazioni e nuovi sensi di marcia :ilSicilia.it
Palermo

la decisione

Palermo, cambia la mobilità in centro: pedonalizzazioni e nuovi sensi di marcia

di
17 Maggio 2021

Sono quattro le ordinanze emesse stamani e pubblicate nel sito istituzionale del Comune di Palermo (www.comune.Palermo.it) inerenti la pedonalizzazione: via Amari e via Ruggero Settimo/Castelnuovo, previste anche modifiche alla circolazione in via Wagner/via Villaermosa e via Cavour.

Tutti i provvedimenti entreranno in vigore dopo l’apposizione delle segnaletiche. A queste quattro ordinanze si aggiunge una quinta, emessa nello scorso novembre, con la quale si istituisce il doppio senso di marcia in via Turati. “Si tratta di una scelta strategica che cambiera’ la vivibilita’ della citta’ – dice l’assessore alla Mobilita’, Giusto Catania -. Il collegamento pedonale tra il porto e il centro storico sara’ un volano di crescita economica e turistica e contribuira’ a superare la crisi che hanno vissuto, in questo ultimo anno, le attivita’ commerciali. La riorganizzazione della circolazione veicolare contribuira’ a fluidificare il traffico nell’attesa della chiusura definitiva del cantiere di superficie del collettore fognario di via Roma”.

Per il sindaco Leoluca Orlando “si tratta di un’area strategica per lo sviluppo e l’attrattivita’ di una parte della citta’ nel triangolo ‘ingresso Porto-piazza Politeama-piazza Verdi’. La pedonalizzazione costituisce un’azione programmatoria e le specifiche ordinanze tengono conto delle esigenze e delle proposte all’interno di una scelta fondamentale che connota la visione complessiva di governo di Palermo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin