22 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 14.02
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

soddisfatto anche il sindaco orlando

Palermo, cannabis ad uso terapeutico: il Consiglio comunale approva l’ordine del giorno

11 maggio 2018

Il Consiglio comunale di Palermo ha approvato un ordine del giorno, proposto dal consigliere Fabrizio Ferrandelli e sottoscritto da tutti i gruppi consiliari, con il quale si chiede alla Regione di attivare misure per l’uso terapeutico della cannabis.

La proposta nasce a sostegno dell’iniziativa del Comitato “Esistono i Diritti”, che a marzo aveva scritto sul tema al Presidente della Regione Siciliana.

“Non possiamo che esprimere soddisfazione – dichiarano i consiglieri Cesare Mattaliano e Fabrizio Ferrandelli – per l’esito della votazione a sostegno dell’azione promossa dal “Comitato Esistono i diritti” e per l’appello per il recepimento di tutte le norme per l’approvazione dell’uso della cannabis a fini terapeutici. Un impegno che ha visto coinvolti i consiglieri in maniera trasversale per il riconoscimento di un diritto“.

Un voto – afferma il sindaco, Leoluca Orlandoche sottolinea la maturità politica e culturale di tutto il Consiglio comunale su un tema oggi molto sentito”. Il Primo Cittadino, a febbraio, aveva inviato una lettera ai presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini, con la quale interveniva sul tema della legalizzazione delle cosiddette ‘droghe leggere’ “. 

Si apre, quindi, un nuovo orizzonte per chi è affetto da dolore cronico (sclerosi multipla, lesioni del midollo spinale, effetti di chemio e radioterapia previsti dal DM 9/11/2015*). L’accesso alle cure a base di cannabis terapeutica, infatti, può portare dei benefici che, per queste malattie invalidanti, sono riconosciuti da rigorosi studi clinici approvati dalla comunità scientifica.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.