Palermo, cantiere via Sicilia: "Residenti e commercianti abbandonati al proprio destino" :ilSicilia.it
Palermo

La denuncia di Sabrina Figuccia

Palermo, cantiere via Sicilia: “Residenti e commercianti abbandonati al proprio destino”

10 Ottobre 2019

Sono centinaia i residenti e i commercianti di via Sicilia che da tanti, troppi, anni sono abbandonati al proprio destino, con i lavori del cantiere per l’anello ferroviario fermi e senza alcuna prospettiva di ripresa“. Lo afferma Sabrina Figuccia, consigliere comunale di Palermo dell’Udc, che prosegue: “Già nel tempo numerosi titolari di negozi della zona sono stati costretti a dichiarare fallimento, con il conseguente licenziamento di decine di lavoratori”.

Sabrina FigucciaA rendere ancora più drammatica la situazione, l’assoluta assenza di qualunque novità sulla possibile ripresa dei lavori, che, secondo alcune dichiarazioni dell’assessore Catania, resteranno fermi almeno fino a giugno 2020. Per cercare di conoscere meglio la situazione, stamattina ho chiesto al sindaco Orlando e agli assessori Prestigiacomo e Catania quando effettivamente il cantiere riprenderà la piena operatività. Intanto, ho segnalato agli organi competenti la grave condizioni di insicurezza del cantiere, la cui reti di protezioni sono ridotte ad un vero colabrodo“, aggiunge Figuccia.

Come se non bastasse, i residenti devono fare i conti pure con una serie infinita di disagi: dalla mancata raccolta dei rifiuti e pulizia della strada all’impossibilità di un’ambulanza di accedere alla strada, nonché non poter effettuare un trasloco. Insomma, una situazione al limite della vivibilità, che sta rendendo impossibile la vita a centinaia di palermitani, colpevoli soltanto di abitare o lavorare in quella zona“, conclude Sabrina Figuccia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.